Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Il calcio è solo un prodotto in vendita, come pensano le pay tv? Va considerato alla stregua di una qualsiasi altra azienda?

Si e no. E’ certamente un’industria (la quinta in Italia per fatturato), ma è soprattutto la “monetizzazione” di un sentimento. Il suo traino è la passione dei tifosi. Se dunque vogliamo considerare il calcio un’azienda, e lo è, si deve partire dal presupposto che è certamente la più atipica di tutto il vasto panorama imprenditoriale.

I tifosi non sono semplici utilizzatori finali del prodotto-calcio. Sono, viceversa, i “veri” tutori delle maglie che portano i colori della squadra del cuore. Quando entrano in uno stadio per sostenerla, i tifosi non vorrebbero soltanto vederla vincere. Vogliono piuttosto riaffermare, sempre e comunque, un amore incondizionato. Ciò è avvenuto e avviene in tutte le latitudini del globo. Per questa ragione il football è il gioco (ancora) più seguito al mondo.

Quando un imprenditore si prepara ad assumere la guida di una società di calcio, dovrebbe sapere che andrà a confrontarsi con l’amore-umore dei suoi tifosi. Un club, piccolo o grande che sia, appartiene alla città a prescindere dalla categoria in cui gioca. E proprietà dei cittadini-tifosi. Non a caso sindaci e istituzioni si impegnano attivamente nella tutela dei diritti della squadra della città, fino a sovvenzionarla quando occorre.

Il fulcro di ogni azienda purchessia è (dovrebbe essere) l’etica degli imprenditori che la dirigono. Il concetto è tanto più stringente quando si parla di azienda-calcio. Se il binomio etica-calcio si è dissolto nel corso degli anni, ciò non rappresenta certo un alibi. Bisognerebbe piuttosto interrogarsi sul come e sul perché possa essere accaduto.

Nel calcio, e non solo, c’è un disperato bisogno di etica. Significa poter contare su figure di riferimento capaci di profondere, nell’azienda-squadra di cui hanno deciso di diventare proprietari, tutto quanto occorre per farla funzionare secondo criteri condivisi e condivisibili anche senza perdere di vista i bilanci. Il pianeta calcio è spesso abitato, viceversa, da dilettanti allo sbaraglio. O, peggio ancora, da cialtroni e squallidi guitti che si trascinano dietro improbabili codazzi di nani e ballerine. Gente senza idee, nè passione e neppure soldi in qualche caso. Come si può, anche lontanamente, pensare che costoro siano in grado di costruire progetti solidi, compatibili e sostenibili?

I tifosi, tutori della “grande storia del club”, continuano ad abboccare all’amo. Il disincanto generato dai tanti disastri pregressi non basta a riconoscere di che pasta sono fatti certi loschi figuri, paracadutati sulle loro latitudini da chissà dove e chissà perché. Li stanno a sentire. Si fidano. Gli stringono al collo le sciarpe con i colori del cuore. Non si rendono conto che saranno proprio loro, i tifosi depositari della stroria delle maglie, a introdurre all’interno delle mura di una Troia assediata il cavallo che nasconde nella pancia i soldati nemici che le daranno fuoco.

La stampa e gli addetti ai lavori avrebbero il compito di aprire gli occhi ai tifosi, eterni Peter Pan per colpa dell’amore. Avviene sempre più di rado. Non c’è quasi mai il tam-tam mediatico necessario per bloccare gli intrusi e isolarli dal contesto. Il pianeta calcio continua a essere una prateria in cui figure di mezza tacca sono lasciate libere di scorrazzare e depredare. Non ci si salva dai disastri a forza di “io speriamo che me la cavo”. Il destino è una ruota che gira e può travolgere chiunque in qualunque momento.

Riportare i tifosi al centro del sistema. Costruire steccati normativi invalicabili da chi non dimostri di possedere le doti, etiche ed economiche, necessarie per mettersi a capo di un’azienda-squadra. Stabilire controlli istituzionali rigorosi e continui, Questa è la strada da seguire. Non certo la più facile, ma la sola.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi