Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Sembra precipitare la crisi finanziaria della Spal, glorioso club iscritto alla Prima Divisione di Lega Pro.

Stanno per giungere alla scadenza i termini per procedere agli adempimenti amministrativi del secondo trimestre. Ci cono da versare, entro e non oltre domani 14 febbraio, 1milione200mila tra stipendi, Irpef ed Enpals. Se ciò non dovesse accadere, scatteranno altri deferimenti e nuove penalizzazioni.

Senza contare che entro mercoledì 22, secondo quanto disposto in data 08/12 dal Tribunale civile di Ferrara, andranno saldati i creditori che hanno presentato istanza di fallimento (QUI i particolari). Il mancato rispetto di quest’ultimo impegno renderà inevitabile l’avvio della procedura fallimentare nei confronti del club estense.

Le due scadenze si accavallano con il previsto passaggio di consegne della società biancoceleste da Butelli a Santarelli, imprenditore romano titolare della Fincassia. Sembrava tutto fatto (QUI i particolari), ma la trattativa ha subito un forte rallentamento.

Significativo in questo senso il comunicato stampa apparso ieri sul sito ufficiale della Spal: “Dopo avere analizzato in una prima fase di “due diligence” la situazione amministrativa e contabile della società Spal 1907 Spa, la parte promittente acquisto ha deciso di convocare in atto, con accordi più idonei e appropriati tenuto conto della diversa situazione economica e societaria resasi palese, la parte promittente vendita presso un notaio di Roma nella giornata di lunedì 13 febbraio. In data odierna sono stati trasmessi agli interessati tali accordi e decisioni in merito”.

Al momento l’imprenditore romano – che nella nota stampa in premessa ha ufficializzato i suoi dubbi a proseguire nella trattativa – non ha reso noto le proprie decisioni.

Certo è che Santarelli ha convocato il presidente Butelli per oggi alle18 aRoma, presso uno studio notarile, per rivalutare le condizioni di acquisto della Spal.

Nel caso in cui l’imprenditore romano decidesse di desistere dalla trattativa, chi provvederà alle onerose incombenze economiche che pesano come una spada di Damocle sulla società biancazzurra e sui tifosi estensi?

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi