Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Il financial fair play (ffp) incombe. Calciopress ne ha dato conto ieri con una serie di riflessioni (QUIQUI e QUI i particolari), necessarie in considerazione del fatto che l’appuntamento con le nuove e stringenti normative sui bilanci è ormai dietro l’angolo.

Il sistema di controllo introdotto dalla Uefa di monsieur Platini si basa su un assioma semplicissimo: un euro speso per ogni euro incassato.

I club dovrebbero sopravvivere con le proprie forze, diversificando sempre più i ricavi. Le entrate andrebbero equamente suddivise tra diritti tv, incassi da stadio (ticketing), sponsorizzazioni e marketing, plusvalenze tra acquisti e cessioni, merchandising e quant’altro.

In questa prospettiva il calcio italiano arriva al nastro di partenza in forte ritardo. L’autosufficienza economica verso la quale spinge il ffp è di là da venire per i club della serie A italiana, schiavizzati dai diritti televisivi elargiti da Sky e Mediaset.

L’apporto di capitale da parte dei proprietari delle società riveste ancora un ruolo fondamentale nella sostenibilità economico-finanziaria del sistema e dei singoli club. Nonostante il fatturato in crescita, una dirigenza “liquida”  risulta ancora oggi determinante.

Pesa fortemente anche il ritardo accumulato nella costruzione di nuovi stadi, allineati ai parametri del calcio europeo, che spazzino via il marciume di impianti decrepiti e cadenti.

La nota positiva è rappresentata dalla tenuta complessiva del settore. Rispetto ad altri comparti economici che in Italia sono in forte sofferenza, il calcio dimostra una buona resistenza alle turbolenze economiche.

Questa tendenza trova conferma anche in una ricerca di Stage Up sulle sponsorizzazione sportive, che risale ad alcuni mesi fa. Il loro valore in serie A è diminuito solo dell’1,1%, a fronte di un calo del 9.6% in tutti i settori economici.

I 20 club della massima serie, secondo questa analisi, incassano dalle aziende 220,9 milioni di euro. In particolare Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma raccolgono il 75% del totale, vale a dire 165,4 milioni.

Tra buchi neri e mancanza di fantasia, della quale si sente veramente il bisogno in Italia ma che ha rari appigli in giro (“Barbara Berlusconi, il miglior acquisto per il Milan del futuro?”), le partite della serie A italiana si continuano a giocare in attesa della mannaia della Uefa. Che calerà molto prima di quanto si pensi.

Sergio Mutolo  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi