Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Ancora un pareggio per la Juventus di Antonio Conte, stavolta in casa del Bologna.

Nel post partita il tecnico bianconero spiega la sua espulsione ai microfoni Sky: “C’è stata una protesta generale da parte della panchina. Sono rimasto molto sorpreso per la mia espulsione, ma sono cose che capitano nel calcio. Ne prendiamo atto e andiamo avanti”.

Ai microfoni di Mediaset, Conte è assai più esplicito sulla causa che ha dato il via alle proteste della panchina juventina (un contatto De Ceglie-Pulzetti in area di rigore del Bologna): “A noi comunque i rigori non ce li danno. Ma almeno una ‘punizioncina’ dal limite, come quella per il fallo su Borriello, non sarebbe stata male”.

Passando all’analisi della prova offerta dalla squadra, Conte sottolinea le pesanti assenze con cui deve confrontarsi in difesa :  “Era la prima partita che facevamo senza due pezzi da novanta in difesa, Barzagli e Chiellini. Dobbiamo cogliere queste situazioni di emergenza per crescere, per diventare più forti a livello di squadra. Oggi c’è stata un’ottima risposta da questo punto di vista”.

Domenica, contro il Genoa, l’unico centrale difensivo di ruolo a disposizione è Caceres: “Ci vengono a mancare tre difensori centrali, però non ci fasciamo la testa”.

Il problema più grosso della Juve viene però dal reparto offensivo, che stenta a trovare con regolarità la via del gol: “Oggi ha fatto gol Vucinic, ha avuto un’opportunità Borriello. Sono contento della prestazione di tutti quanti, gli attaccanti hanno fatto quello che gli avevo chiesto”.

Conte conclude la sua disamina parlando di turn over: “Ultimamente stiamo giocando in maniera continua, quindi è inevitabile che ci sia bisogno di fare turn over. Tra Nazionale e partite saltate per la neve, ci ritroviamo a fare più della Champions, quindi qualche volta ci sono dei turn over per necessità fisica. Le scelte vengono sempre fatte in base a quello che vedo”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi