Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Sa. Mig.) Dopo le dolorose perdite della giornata degli addii, che hanno smembrato la rosa rossonera, per Galliani è il momento di rimpolpare l’organico con rinforzi all’altezza dei partenti. In realtà le cose non sono così semplici. La crisi economica incalza. Incombe il Fair Play Finanziario voluto dalla Uefa di monsieur Platini. Una miscela che potrebbe rivelarsi esplosiva per molti club della serie A italiana, i cui bilanci sono da troppi anni in profondo rosso. Per di più Premier e Liga tentano Ibrahimovic. La stessa conferma di Thiago Silva non sembra più tanto sicura (QUI i particolari). In questa prospettiva Galliani e Braida stanno setacciando i reparti. Si tratta di capire quanti sono i buchi da colmare per rinforzare adeguatamente la squadra. Vediamo qual è lo stato delle cose.

Difesa. Anche nella prossima stagione si dovrebbe ripartere da Abbiati come portiere titolare. Nel frattempo è stato ingaggiato il giovane Gabriel dal Cruzeiro (QUI i particolari). Incerta la sorte di Amelia, che potrebbe anche essere ceduto. L’addio di Nesta ha creato un buco difficile da riempire. Sotto questo aspetto la cessione di Thiago Silva sembrerebbe un paradosso, ma i grandi club europei sono in agguato e il muro della resistenza potrebbe cedere. Al centro ci sono i due confermati Mexes e Yepes, ma non possono certo bastare in chiave Champions. Sono state avviate trattative, che sembrano in fase avanzata, per portare in rossonero Acerbi. Recentemente si sono aperte le piste che portano a Silvestre, Granqvist e Tomovic. Il reparto è stato falcidiato. Resta ancora un enigma il modo in cui verrà ricostruito.

Centrocampo. Sono arrivati a parametro zero Montolivo e Traorè. Si tratta di due iniezioni certamente  importanti, ma non sufficienti in chiave europea. Galliani e Braida si sono attivati allora verso Ganso (magari inserendo come contropartita Robinho), ma la pista più interessante è quella che porta a Verratti. Il giovane talento del Pescara di Zeman è stato convocato anche nella Nazionale di Prandelli. Attorno a lui è prevedibile che scoppierà una vera e propria bagarre, visto il numero dei club interessati (tra cui la Juventus).

Attacco. Qui la situazione è particolarmente critica. Ibrahimovic rimarrà davvero come sostiene Galliani o invece emigrerà verso sistemi calcistici più ricchi di appeal del nostro? A questo punto l’unico sicuro di restare sembra Cassano. Va detto infatti che non solo Robinho è dato in partenza, ma anche Pato potrebbe essere ceduto in prestito (con l’auspicio che si riprenda dall’infortunio che lo affligge da tempo). Lo stesso El Shaarawy resta in dubbio. Il Faraone ha fatto capire che, se non giocherà da titolare, preferisce andar via. Anche Maxi Lopez è dato in partenza. L’importo del riscatto preteso dal Catania (8 milioni di euro) è davvero esoso per l’attuale momento finanziario. In merito agli arrivi restano in piedi alcune ipotesi. Se Ibra andasse al Real Madrid (Mourinho fa un pressing duro su di lui da mesi), potrebbe arrivare come contropartita tecnica Higuain, Se invece toccasse al Manchester City di Roberto Mancini assicurarsi le prestazioni del nazionale svedese, tornerebbe in auge l’ingaggio di Tevez (vecchio pallino di Galliani). Se son rose fioriranno. 

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film