Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Sa. Mig.) Le stategie di mercato del Milan stanno per imboccare una strada piuttosto inattesa e in qualche modo sorprendente. Diversamente da quanto facevano supporre le sensazioni e le previsioni di fine stagione, l’attesa rivoluzione dei ranghi potrebbe virare verso una restaurazione bella e buona.

Lo stop a Thiago Silva e la corsa agli ingaggi. Il presidente Berlusconi in persona ha deciso che Thiago Silva non si muoverà da Milano. Non si capisce, a questo punto, per quale misteriosa ragione la trattativa con il Psg sia stata fatta arrivare a uno stadio così avanzato. L’esito finale di questa imprevista marcia indietro sarà, alla resa dei conti, una crescita esponenziale dell’ingaggio del difensore brasiliano  Il suo agente cercherà di portare i 4,5 milioni attuali ai livelli dello stipendio di Ibra (ovvero 12 milioni netti l’anno). Tutto ciò innescherà una  corsa agli ingaggi da parte degli altri top players, in fibrillazione da mesi per i rinnovi contrattuali.Valeva davvero la pena mettere in piedi una simile bagarre per arrivare a un boomerang in termini di bilancio? Come farà Galliani a tenere a freno, nell’era del Fair Play Finanziario, i tanti che scalpitano su un tema così delicato?

Tutti i top players restano a casa? Per Zlatan Ibrahimovic la conferma in maglia rossonera è stata più volte reiterata da Galliani. Dunque l’attaccante svedese, nonostante le provocatorie dichiarazioni rilasciate qualche settimana fa, è destinato a restare al Milan. A questo punto anche l’irrequieto Boateng e il deludente Pato sembrano avviati verso un’altra stagione alla corte di Allegri. Niente esodo neppure per Cassano, nonostante le pepate dichiarazioni lanciate da Euro 2012. L’unico che potrebbe partire è Robinho. Il fatto è che Boateng e Cassano vogliono rivedere decisamente all’insù il proprio ingaggio. Come farà Galliani a rispondere picche dopo la conferma di Thiago e le conseguenza che ne deriveranno?

Nessuna operazione in entrata? La conferma che il mercato in entrata potrebbe chiudersi qui viene dallo stesso Adriano Galliani: “Il mercato in entrata è concluso. Arriverà un quinto difensore centrale, se il Genoa prenderà la metà di Acerbi. Arriverà poi un centrocampista, che sarà o Flamini o Aquilani, davanti siamo ok”. Tutto potrebbe fermarsi percò agli arrivi a parametri zero di Riccardo Montolivo e Bakaye Traore. A loro si aggiungerà (forse) il solo Acerbi. In tema di restaurazione si parla addirittura di un pressing sul demotivato Nesta per farlo rimanere ancora una stagione in rossonero. In qualità di centrocampista aggiunto (dopo che sembra sfumato Witsel, dato a questo punto per sicuro al Real di Mourinho) potrebbe essere riconfermato Aquilani (con il francese Flamini l’accordo sembra difficile da trovare). Se partisse Robinho, potrebbe essere rimpiazzato grazie all’ennesima soluzione interna (Maxi Lopez viene tenuto ancora sulla corda).

Robinho al passo d’addio? Con i due gioielli Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva confermati da Berlusconi, Robinho potrebbe essere il top player sacrificato per fare cassa. Al Milan non è arrivata fin qui alcuna proposta ufficiale, ma non sono esclusi sviluppi nelle prossime settimane. Contattato dal sito calciomercato.com in merito alle voci che vorrebbero il proprio assistito nuovamente nel mirino del Malaga, l’agente dell’attaccante brasiliano Juan Figer  ha dichiarato: “Sì, posso confermare che al Malaga piace il mio assistito, ma, con tutto il rispetto, non credo che possano permettersi un giocatore di tale livello. La pista brasiliana? Nel calcio tutto può succedere. Se sono più alte le possibilità di restare al Milan o quelle di partire? Lui sta bene a Milano, quindi molto dipenderà dalla volontà del club rossonero”.

Quale centrocampo per Allegri? Oltre ai nuovi arrivi Montolivo e Traoré, per completare il centrocampo si pensa di rinnovare il contratto con Alberto Aquilani (scaricato dal Galliani a fine maggio per ragioni economiche). Il Milan non ha voluto a suo tempo spendere i sei milioni di euro necessari per riscattarlo dal Liverpool. Ora si cerca di strapparlo praticamente gratis. L’ex giocatore della Roma ha un contratto con i Reds fino al 2014 con un ingaggio da quattro milioni di euro a stagione. Il Milan resta alla finestra in attesa della possibile rescissione del contratto. A quel punto si proporrebbe ad Aquilani un contratto quadriennale da due milioni di euro a stagione (a Liverpool ne prendeva quattro).

Sa. Mig.  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film