Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress –  Redazioneweb) E’ scaduto il 30 giugno il termine tassativo per l’iscrizione alla Prima e Seconda Divisione di Lega Pro (leggi QUI gli aggiornamenti).

Vediamo in dettaglio date delle scadenze, iter procedurale e problemi vari che rappresentano altrettanti ostacoli all’iscrizione per i club di terza e quarta serie nazionale guidata dal presidente Mario Macalli.

LE DATE SALIENTI. Il 25 giugno è scaduto il termine ultimo per il saldo degli emolumenti dovuti ai tesserati a tutto il mese di aprile e per regolarizzare gli altri adempimenti (organizzativi e sportivi). Il 30 giugno è il giorno limite per presentare la domanda di iscrizione e le fideiussioni (600mila perla Prima Divisione, 300mila perla Seconda Divisione), oltre che per completare il pagamento di tutti i contributi dovuti fino ad aprile.

L’ITER PROCEDURALE. Sarà il Direttivo della Lega Pro a valutare in prima battuta la congruità delle domande e dare il suo parere entro il giorno 11 luglio. Eventuali ricorsi andranno inoltrati entro il 16 luglio. Il Consiglio federale sancirà ufficialmente le iscrizioni intorno al 19 luglio. Le società non ammesse potranno ricorrere all’Alta Corte di Giustizia presso il Coni e poi al Tar del Lazio, il che potrebbe allungare le cose fino alla prima decade di agosto.

I PROBLEMI. I club avranno grosse difficoltà al saldo degli stipendi arretrati e dei relativi contributi, procedura che richiede un massiccio esborso di danaro. C’è poi la questione delle fideiussioni, in quanto non potranno essere automaticamente rinnovate le vecchie e le banche saranno molto più attente nel concederle visti i chiari di luna. Infine il rispetto delle rigorose norme per gli stadi, in merito alle qualila Lega Pro ha escluso qualsiasi deroga (ma tutti gli anni i freni poi si allentano).

LA VARIABILE  CALCIOSCOMMESSE. Si tratta di capire come finiranno le cose a seguito delle sentenze definitive per lo scandalo delle partite truccate. Sono implicate molte società di serie B che potrebbero essere retrocesse d0ufficio in Lega Pro, intasando la categoria.

IL FORMAT. L’organico è attualmente formato da 77 squadre (leggi QUI l’elenco completo ad oggi). Molti club (si parla di una quindicina) sono in gravi difficoltà economiche. Finora sono cinque le società che non hanno presentato domanda entro il termine prescritto. Si tratta di PergocremaPiacenza e Triestina (già dichiarati falliti), Taranto e Giulianova (ufficialmente non iscritti). E’ stato confermato il blocco dei ripescaggi. Pertanto l’organico di 77 squadre sembra destinato a ridursi. Figc e Lega Pro decideranno il da farsi nel momento in cui sarà ufficializzato il numero dei club ammessi.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film