Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress –  Re. Bal.) Il mercato della Juventus segna un momento di riflessione dopo tanti colpi ad effetto. Marotta e Paratici sono soprattutto impegnati a sfrondare la rosa, particolarmente pletorica, dai giocatori che sono fuori dal progetto tecnico di Conte (QUI i particolari).

Un significativo numero di cessioni è preliminare ad ogni altra operazione di mercato (Destro? Gabbiadini?), prima di dare l’assalto finale al top player. In questa prospettiva si segnala un rallentamento della pista che porta a van Persie a favore di quella che conduce a Jovetic.

Marotta scalzato per van Persie? Dopo l’annuncio dell’attaccante olandese di non voler rinnovare il contratto con l’Arsenal, sta per partire una vera e propria asta su Robin van Persie. Il “Sun” mette al primo posto il Manchester City, che avrebbe pronta un’offerta per i Gunners di 19 milioni di euro. I Citizens e Roberto Mancini non intendono salire troppo con l’offerta per un giocatore che si appresta a compiere 29 anni e che, in passato, è stato spesso vittima di infortuni. Per i tabloid inglesi subito dopo ci sarebbe il Barcellona, disposto a cedere Villa per finanziare l’operazione. I blaugrana contan anche sull’amicizia di van Persie con Fabregas per battere la concorrenza degli altri grandi club. Ha fatto sapere una fonte interna al club catalano: “Ci aspettiamo un’estate molto calda sul mercato”. Oltre alla Juventus stanno alla finestra anche Paris Saint Germain e Manchester United. L’impressione, insomma, è che sarà difficilissimo per Marotta portare il giocatore a Torino.

Crescono le quotazioni di Jovetic? Se l’obiettivo van Persie dovesse sfumare, la Juve potrebbe virare su Stevan Jovetic. Marotta e Paratici si tengono lontani perchè spaventa la clausola rescissoria da 30 milioni di euro. La speranza è di intavolare una trattativa inserendo, come contropartita tecnica, l’attaccante Quagliarella. Un giocatore che piace parecchio al nuovo ds viola Pradè.

Re. Bal. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato4 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi