Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress –  Redazioneweb) Per il Milan si mette davvero male. Arriva anche la seconda sconfitta al Meazza, dopo quella conla Sampdoria.

L’Atalanta di Colantuono vince 1-0 grazie alla rete di Cigarini segnata al 19′ del secondo tempo e azzera la penalizzazione in classifica.

I rossoneri sono apparsi poco lucidi e ancor meno concreti. Tempi duri per le milanesi a san Siro. E’ il terzo passo falso in tre giornate, se si aggiunge al conto quello dell’Inter con la Roma di Zeman.

A fine partita il tecnico milanista Massimiliano Allegri analizza il pesante ko casalingo e individua in un problema mentale la causa delle due sconfitte casalinghe in campionato nelle prime tre giornate: “Perdere due partite consecutive in casa non è piacevole. Martedì abbiamo una gara di Champions che ci darà la possibilità di riscattarci e ripartire bene. La squadra è molto cambiata rispetto all’anno scorso, ci sono dei ragazzi che devono crescere e dobbiamo farlo velocemente. Ma la cosa migliore da fare è togliersi dalla testa questa preoccupazione, bisogna avere più sicurezza in noi stessi”.

Allegri è fortemente convinto delle potenzialità di questa squadra: “E’ una squadra che può lottare con tutti. Adesso bisogna andare avanti, lavorare, fare le cose per bene. Dobbiamo giocare con un po’ di convinzione in più nell’andare a far gol, cosa che non abbiamo fatto perché in questa fase andiamo un po’ troppo a sprazzi. Ci vuole un po’ di vigore agonistico e convinzione, altrimenti diventa tutto più difficile. Non tutto è da buttare, abbiamo fatto buone cose come a Bologna dove abbiamo vinto. Stasera ci è andata meno bene, purtroppo anche stavolta abbiamo preso un gol e poi è diventato tutto più difficile”.

L’ad Galliani ha abbandonato San Siro prima del termine della partita, ma l’allenatore rossonero smentisce attriti: “Con Galliani ho un rapporto quotidiano che non è cambiato, è lo stesso degli ultimi due anni. Si stanno dicendo cose non vere. E’ normale che si devono fare dei risultati, questa è una squadra che dovrà lottare e sudarsi tutte le partite, bisogna solo lavorare e avere più fiducia in noi stessi. Anche su Berlusconi, si dice che non lo sento da mesi e invece l’ho sentito l’altro giorno. Certo, servono i risultati”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi