Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress –  Redazioneweb) L’Inter, grazie alla rete su calcio piazzato segnata da Samuel nei primi minuti della gara, si aggiudica il derby giocato ieri sera a San Siro. Nonostante l’inferiorità numerica per buona parte della ripresa, a seguito della espulsione di Nagatomo, la squadra nerazzurra riesce a portare a casa i preziosi tre punti in palio nella stracittadina.

Ai microfoni di Mediaset Premium il tecnico dell’Inter, Andrea Stramaccioni, è molto soddisfatto del risultato e non solo: “Mi sono piaciute soprattutto due cose: l’approccio alla partita con rabbia e aggressività e la gestione del secondo tempo in inferiorità numerica. Il Milan ci ha messo in difficoltà nelle corsie laterali. Con Guarin pensavo di avere un peso maggiore, poi l’espulsione ha cambiato i piani. Il mio intento era lasciare in campo una squadra equilibrata, e con Palacio abbiamo provato a ripartire”.

Secondo Stramaccioni si tratta di una vittoria nel senso della crescita: “L’obiettivo era confermare di essere in crescita. L’Inter, specie nella ripresa, ha dimostrato di aver ritrovato valori caratteriali di una grande squadra che non si allena, se non con le partite. Ho avuto la sensazione di una squadra solida, che non ha concesso il palleggio corto al limite dell’area del Milan. Questa sera i riflettori sono tutti per i miei calciatori”.

Il tecnico nerazzurro glissa sulle polemiche di Allegri relative all’arbitraggio di Valeri (leggi QUI i particolari): “L’unica squadra oggettivamente penalizzata è stata l’Inter, che ha giocato 47′ in inferiorità numerica. Non parlo di arbitri, non perché è andata bene ma perché deve essere il nostro tratto distintivo”.

Al termine Strama si è lasciato andare a un’esultanza alla Mourinho: “Ero in debito con i tifosi, non sono nessuno e non ho fatto niente eppure mi hanno sempre sostenuto, anche dopo la partita contro il Siena. Mi ero ripromesso che un piccolo regalo poteva essere era una vittoria così, perché ci hanno veramente sempre sostenuto. Dobbiamo pensare a crescere, ma non mi esalto. Ci sono tante cose che vanno, altre che non vanno e lo sappiamo. Dobbiamo lavorarci”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi