Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress –  Redazioneweb) Lazio-Milan finisce 3-2. Un risultato impietoso per la squadra rossonera. Nel secondo anticipo della ottava giornata del campionato di Serie A il club di Berlusconi incassa la quinta sconfitta stagionale.

La squadra di Petkovic va sul 3-0 con Hernanes, Candreva e Klose. Incassa poi il ritorno dei rossoneri (in gol con De Jong e con El Shaarawy), che non evitano una nuova pesante battuta d’arresto. Biancocelesti a un punto dal Napoli. Milan addirittura a -15 dalla Juventus (QUI i particolari sul 2-0 con il Napoli).

Un record negativo eguagliato- quello delle cinque sconfitte nelle prime dieci giornate –  che risaliva alla stagione 1941-42, addirittura 71 anni fa. Allora i rossoneri avevano vinto 3 partite e ne avevano perse 5 (senza aver ancora pareggiato, si trovavano al quartultimo posto della classifica).

Insomma, il club di Berlusconi è in crisi nera. La situazione si fa delicata per Allegri, ma anche per Galliani. Questo pessimo inizio di stagione suona come una sonora bocciatura per il tecnico, ma anche per il mercato estivo (QUI le ultime sulle strategie del calciomercato di gennaio).

Il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, parla del suo futuro ai microfoni di Sky Sport : “Il mio futuro? Dipende sempre ed esclusivamente dalla società. E’ normale che se la squadra non fa risultato è l’allenatore ad essere messo in discussione. Ora dobbiamo cominciare a fare punti altrimenti rischiamo di essere risucchiati verso il fondo della classifica”.

L’analisi dell’andamento della partita è realistica: “Abbiamo cercato di giocare la palla senza esporsi al loro contropiede. La squadra, soprattutto nel secondo tempo, ha creato tanto. Le cose in questo periodo non vanno bene, dobbiamo migliorare. Il modulo iniziale a rombo? Pensavo di riuscire a gestire la palla grazie alla superiorità a centrocampo. La squadra ha raccolto meno rispetto a quello che merita. La mia idea era quella di cambiare modulo a partita in corso, magari sullo 0-0 o sull’1-0, come già fatto a Parma. Ma questa sera abbiamo preso gol al primo tiro in porta, tra l’altro deviato, poi un grande gol e un nostro brutto errore”.

Anche per Boateng una bocciatura? “La sostituzione non è una bocciatura, ma non ha giocato un primo tempo degno delle sue qualità”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi