Connect with us

Pubblicato

il

In Italia il sistema calcio è in rotta. Il ricordo di quel “modello” tricolore che aveva fatto della serie A il più bel campionato del mondo si è perso nei meandri del tempo.

Oggi si naviga a vista. La deriva del mondo pallonaro, plasmato a misura delle sempre più intrusive pay tv che potrebbero mollarlo da un momento all’altro, sta debilitando le ultime resistenze di una tifoseria che nel passato aveva pochi raffronti in Europa.

Manca una vera linea politica, condivisa e sostenibile. Ognuno continua a zappare il suo orticello, dimentico dell’interesse generale. Latita la lungimiranza, che pure dovrebbe contrassegnare l’agire degli umani.

Gli stadi sono grigi e fatiscenti. L’acquisto dei biglietti è stato trasformato in una corsa a ostacoli. Durante le partite, salvo rare e meritorie eccezioni, prevale un senso di noia e di stanchezza.

Se ancora esiste un modello italiano, si è ormai autoconfinato nella scelta indiscriminata di mettere più barriere possibili alle trasferte e di rallentare in tutti i modi possibili  l’accesso del pubblico negli stadi. Ciò avviene con misure preventive che sono anche e soprattutto punitive nei confronti della parte sana dei tifosi, che avrebbero forse ancora voglia di assistere dal vivo alle partite.

Ecco dunque gli stadi vuoti, la deriva tecnica del nostro calcio, l’arretramento progressivo nelle classifiche internazionali, il disincanto degli appassionati. Dov’è finito il campionato di una volta che tutti ci invidiavano? E’ davvero questo il modello con cui pensavamo di confrontarci nel terzo millennio?

Nel calcio esistono tanti modelli da imitare. C’è quello inglese e c’è anche quello spagnolo. Sistemi da imitare fino a un certo punto visto lo stato debitorio che potrebbe soffocarli da un momento all’altro. Eppure la struttura messa in piedi Oltre Manica per dare ordine alle quattro categorie professionistiche (dalla prima alla quarta divisione nazionale) si è dimostrata nel tempo vincente rispetto alla nostra.

C’è soprattutto un modello tedesco, sobrio da un punto di vista organizzativo forse più di quello anglosassone. In Germania, come in Inghilterra, gli stadi sono splendidi e sempre colmi ai limiti della capienza. I biglietti d’ingresso alle partite sono i meno cari d’Europa.

Dovunque ci rigiriamo troviamo comunque qualcosa di meglio della mediocre sarabanda con la quale siamo costretti a convivere. Se ci sono riusciti gli altri sistemi calcistici europei, perché non dobbiamo riuscirci anche noi? Questa è la domanda.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni6 giorni fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi