Connect with us

Pubblicato

il

Tabellone Serie Bwin 2012_2013(Calciopress – Redazioneweb)  Si è parlato di fidelizzazione dei tifosi nel convegno organizzato dalla Lega Serie B, in collaborazione con Studio Ghiretti&Associati.

Il workshop si inserisce all’interno di “Obiettivo Pubblico”, il progetto di formazione per le 22 società cadette  presentato a febbraio e nato per raggiungere e consolidare nuovi target di  spettatori negli stadi.

Diversi esperti nazionali e internazionali si sono susseguiti da questa mattina nella sede di via Rosellini a Milano per portare la propria testimonianza a riguardo di politiche di ticketing e coinvolgimento del pubblico a una folta platea formata, soprattutto ma non solo, da dirigenti dei club cadetti.

Il Direttore generale della Lega Serie B Paolo Bedin ha fatto gli onori di casa presentando il convegno: “Il problema del riempimento degli stadi riguarda molti aspetti: di conoscenza, che ha portato a commissionare una grande ricerca di marcato sui tifosi; di cultura sportiva, legata troppo spesso ai risultati; di infrastrutture, non adeguate e non confortevoli; e infine di metodologia, con politiche di marketing e di fidelizzazione ancora poco utilizzate”.

A moderare e co-organizzare il workshop Roberto Ghiretti, presidente dell’omonimo Studio: “Le società di calcio hanno una grande opportunità, quelladi poter essere elemento centrale rispetto alla propria comunità, di diventare protagonisti del territorio aldilà di un risultato sportivo che oggi è ancora troppo fondamentale, soprattutto in Italia, ma che deve diventare sempre meno determinante. Riscuotere consenso sociale significa radicarsi nel contesto in cui si opera, coinvolgendo istituzioni, aziende e interlocutori sociali. Dobbiamo stravolgere l’idea di tifosi clienti e pensare quali opportunità possiamo consegnare alla nostra gente, dare piuttosto di chiedere”.

Marco Caroli Direttore marketing Sampdoria ha parlato di come il suo club abbia trasformato la retrocessione in Serie bwin in un’opportunità, tanto che gli abbonati in cadetteria sono diminuiti di sole 3.000 unità: “La retrocessione ci ha dato la spinta per scendere in strada e condividere con la nostra gente quanto era accaduto a livello sportivo. Abbiamo continuato a individuare nei più giovani il nostro target, giovani che saranno i nostri tifosi del futuro. Abbiamo organizzato feste, eventi e iniziative nel cuore dei quartieri, abbiamo pensato a opportunità di fidelizzazione, tagliando il costo degli abbonamenti e confermando il prezzo in caso di promozione in A, abbiamo promosso, infine, un’immagine di aggregazione e condivisione attraverso il Fair play village, un villaggio itinerante di accoglienza per i tifosi avversari”.

Alberto Colombo, responsabile marketing e comunicazione della Epfl, la Lega che riunisce tutte le leghe europee, ha analizzato i dati di incremento e decremento del pubblico nei vari contesti europei, individuando nei primi, e non è un caso, quei Paesi che hanno realizzato investimenti infrastrutturali per eventi legati a tornei Uefa e Fifa: Germania, Polonia, Ucraina, Svizzera. In Italia scontiamo un gap sociale: “Gli stadi non sono più vissuti come un centro di aggregazione dove poter condividere con i propri amici le emozioni che si vivono in quel momento”.  Mancano le tecnologie, gli impianti non sono al passo con i tempi. Fra gli altri motivi di allontanamento dagli stadi, oltre ai problemi infrastrutturali, la crisi, il costo delle trasferte e quello dei biglietti. Quindi la questione sicurezza: “In questo caso si tratta di una percezione di insicurezza, da parte di chi non vive gli stadi, e non di un problema reale, tanto che il 98% dei frequentatori lo ritengono un luogo sicuro”.

Marco Aloi direttore commerciale dell’Angelico Biella ha portato la testimonianza di una società di successo al di fuori del calcio, capace attraverso una fitta rete di iniziative ed eventi in città a livello commerciale, di marketing, sociali e di coinvolgimento capaci di essere un punto di riferimento per il territorio biellese: “Siamo stati i primi a predisporre un Crm per individuare il nostro target di tifosi, quindi siamo andati nelle scuole non a regalare biglietti ma a diffondere la nostra cultura. Ma il nostro successo non sarebbe stato possibile senza l’impianto, ultimato nel 2009, dotato di strumentazioni tecnologiche e di sicurezza, oltre che di autonomia energetica, innovativi. Un luogo vivo aldilà della singola partita di basket”.

Diego Riva, consulente Supporters Direct Europe, l’unione dei Trust dei sostenitori europei che promuovono e collaborano con l’Uefa per un maggior coinvolgimento dei tifosi nella vita dei club, ha ricordato come “i supporters trust si pongono quale obiettivo il coinvolgimento democratico nella vita dei club, nella sua proprietà e nei suoi processi decisionali. Salvaguardando la storia e la tradizione del club, il suo legame con il territorio e sviluppando una stretta identificazione e un senso di appartenenza con la propria società sportiva, influenzando, inoltre, le scelte delle società sportive e promuovendo il punto di vista dei supporters. I tifosi forse in Italia non vanno più allo stadio perché non sono coinvolti nelle attività decisionali”.

Il prossimo appuntamento di Obiettivo pubblico è previsto per maggio quando, con presenze quasi esclusivamente internazionali, si parlerà di intercettazione e coinvolgimento di nuovi target di tifosi.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni3 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi