Connect with us

Pubblicato

il

Champions League CoppaAlla vigilia della stagione 2013-2014 delle Coppe Europee, il calcio italiano deve fare i conti con una deriva sempre più strisciante.

Il quarto posto che al momento l’Italia occupa nel Ranking Uefa, potrebbe essere messo a repentaglio da un Portogallo sempre più arrembante. I lusitani ci marcano stretti. Il rischio sorpasso è in fondo al tunnel (“Ranking Uefa, a rischio il quarto posto della Serie A?”).

I tifosi delle sei squadre italiane ammesse alla Champions (Juventus, Napoli, Milan) e all’Europa League (Lazio, Fiorentina, Udinese) sono in palpitante attesa dei sorteggi. Il Milan e l’Udinese saranno costretti a partire dai preliminari anticipando pericolosamente l’avvio della stagione agonistica.

In base al Ranking Uefa per club, che prende in considerazione i risultati ottenuti nel quinquennio 2009/2010-2013/2014, nessun club della Serie A è inserito in fascia A (l’Inter, settima nella speciale classifica, è fuori dalle competizioni continentali).

L’Italia, dunque, non avrà squadre testa di serie. Il rischio di trovarsi tra i piedi da subito club di altissimo profilo cresce in modo esponenziale, trascinandosi dietro tutte le complicazioni del caso.

Nella Champions il Milan (quattordicesimo nel Ranking) si trova in seconda fascia e, come detto, dovrà partire dagli scomodissimi preliminari. La Juventus (che occupa la ventesima posizione) rischia di restare bloccata in terza fascia come l’anno scorso e corre il serio pericolo di finire in un girone di ferro. Anche Il Napoli (posizione 46 in classifica) è qualificato direttamente ai gironi ma, trovandosi confinato in quarta fascia, è destinato a compagni di viaggio estremamente “cattivi”.

In quanto all’Europa League la Lazio, ammessa direttamente alla Fase a Gironi come vincitrice della Coppa Italia, è cinquantasettesima. La Fiorentina, che partirà dai Play Off, occupa la cinquantaduesima posizione appaiata all’Udinese, che dovrà iniziare dai preliminari.

Il quadro è quanto mai fosco. Le prospettive poche e poco rosee. Il movimento sembra (è) impantanato. Nulla si muove. Mancano idee e fantasia. I tifosi non sanno più che pesci prendere e disertano pericolosamente gli stadi. Quale catastrofe aspettano i dirigenti federali prima di trovare soluzioni all’altezza? Questa è la domanda.

Sergio Mutolo- www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali1 mese fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi