Connect with us

Pubblicato

il

Logo FIGC(Calciopress – Redazioneweb) Ieri nel tardo pomeriggio la Nazionale Under 21 ha svolto l’allenamento di rifinitura sul terreno di gioco dello Stadio “Bloomfield” (QUI le ultime sulle formazioni).

Stasera l’Italia affronterà i padroni di casa di Israele nella seconda partita del Campionato Europeo (QUI il tabellone con partite e classifiche dei due Gironi aggiornate in tempo reale). Calcio d’inizio alle 20.30 ora italiana. Diretta su Rai Tre.

Unico assente Luca Marrone, infortunatosi con l’Inghilterra e ormai out per il prosieguo del torneo. Il giocatore ha voluto comunque restare con il gruppo. Sarà regolarmente in campo invece Ciro Immobile.

L’attaccante oggi andrà a caccia del suo primo gol in questa fase finale dell’Europeo: “Paradossalmente per noi attaccanti la gara di domani è più difficile di quella contro l’Inghilterra, visto che ci saranno pochi spazi e si farà fatica. In campo dovremo dare il massimo senza cancellare quella che è la nostra forza, un gruppo unito di 23 ragazzi che si vogliono bene”.

Tocca a Devis Mangia vestire i panni del pompiere per spegnere l’entusiasmo che ha accompagnato il successo all’esordio con l’Inghilterra. La sua Nazionale ha vinto e convinto, confermando le qualità dei singoli e uno spirito di gruppo che anche domani sarà decisivo per battere Israele e ottenere con un turno di anticipo la qualificazione alla semifinale dell’Europeo.

Guai a sottovalutare i padroni di casa, reduci dal pareggio con la Norvegia nel match inaugurale: “E’ una squadra compatta che rischia pochissimo e che è brava nel ripartire. Bisogna stare attenti. Gioca la squadra che per me è la migliore, senza fare calcoli. Se poi è la stessa, a parte un paio di cambi, che ha giocato contro l’Inghilterra vuol dire che è la migliore…”.

L’abbraccio collettivo dopo il gol di Insigne con l’Inghilterra è la fotografia di una squadra unita, capace di coniugare tecnica e forza caratteriale: “Ho 23 ragazzi fantastici che sanno bene quello che devono fare. Nutriamo per tutti gli avversari il massimo rispetto, ma abbiamo la forza di concentrarci su noi stessi piuttosto che preoccuparci degli altri”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi