Connect with us

Pubblicato

il

Mario Macalli 4(Calciopress – Sa. Mig.) Nella Lega Pro guidata dal presidente Mario Macalli (nella foto) si apre la stagione dei ripescaggi. Su molti club incombe il rischio della non iscrizione in Prima e Seconda Divisione. Una circostanza che tiene in ansia le tifoserie di mezza Italia e alimenta le speranze dell’altra metà interessata a subentrare.

Sono già numerose le società di terza e di quarta serie nazionale che iniziano a segnalare difficoltà contabili (“Ripescaggi in Lega Pro, dieci i posti disponibili?“). Potrebbe esserci dunque qualche problema per completare il format di 69 squadre previsto per la stagione 2013-2014 stagione che prelude alla riforma con il passaggio alla categoria unica (60 società iscritte suddivise in tre gironi).

Le norme che regolano le graduatorie dei ripescaggi in Lega Pro sono piuttosto chiare. Calciopress le ha sintetizzate in un precedente articolo (“Rebus ripescaggi, normative e regolamenti”).

Il fatto è che per il ripescaggio in Seconda Divisione di Lega Pro occorre sottostare a una serie di passaggi economici davvero onerosi: a) occorre innanzitutto una fideiussione che ammonta in totale a 700 mila euro: una prima fideiussione di 300mila euro per la domanda di ripescaggio e una seconda di 400mila per iscriversi alla categoria; b) a questo importo vanno aggiunte la quota a fondo perduto di 100.000 euro richiesta per il ripescaggio e la quota di iscrizione alla categoria (25mila euro con assegno circolare non trasferibile + 11.000 euro per servizi).

La procedura di ripescaggio in quarta divisione nazionale viene dunque a costare 825.000 euro (oltre agli 11.000 richiesti per i servizi). Una somma astronomica in questi tempi di crisi.

Un fardello che potrebbe scoraggiare in partenza molte società che continuano a dichiararsi interessate, anche quelle armate sulla carta dalle migliori intenzioni. Soprattutto considerato che l’anno prossimo, in previsione della riforma, saranno condannate in 18 a retrocedere dalla Seconda Divisione e che  in Serie D iscriversi costa solo 50.000 euro (19.000 a mezzo assegno circolare non trasferibile + 31.000 di fideiussione) .

Sa. Mig. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi