Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Arrigo Sacchi(Calciopress – Redazioneweb) Ai microfoni di ‘Tutti Convocati‘, in onda su Radio 24, il coordinatore tecnico delle nazionali giovanili della Figc Arrigo Sacchi (nella foto) fa il punto sul Campionato Europeo Under 21 giocato in Israele.

Di rito i complimenti all’Italia di Devis Mangia, reduce da un torneo giocato a splendidi livelli: “Non torniamo con l’amaro in bocca. Pensavamo che i margini d’errore di questa Under fossero molti, quindi dobbiamo essere grati a questi ragazzi che hanno dato davvero tutto. C’era un’altra compagine che come noi aveva metà dei giocatori provenienti dalla serie B (“Italia Under 21, una Nazionale targata serie B”) ed era l’Inghilterra, che ha fatto zero punti. La nostra Under ha eliminato l’Olanda, la stessa squadra che due mesi fa ha giocato contro la nostra nazionale maggiore”.

Sacchi punta il dito sullo scarso coraggio del calcio italiano e sulla deficitaria considerazione in cui tiene i giovani: “Quando la centralità è il gioco i calciatori diventano interpreti stupendi. Se la centralità è il giocatore, il giovane non può avere la conoscenza e l’esperienza di uno più esperto. Il nostro è un ambiente isterico e frastornante, mentre con i giovani devi pianificare a lungo termine”.

Duro l’affondo finale a un sistema che non vuole capire quale strada imboccare (Spagna docet): “Non è mentalità, è ignoranza. Sarebbe come se al cinema prendi grandi attori per recitare a soggetto senza una trama. Come se nelle commedie non ci fosse un copione o nella musica uno spartito e ognuno suonasse quello che vuole. Dobbiamo capire questo, come hanno fatto in Spagna e nel resto del mondo”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film