Connect with us

Pubblicato

il

Pallone porta(Calciopress – Redazioneweb) A Rieti Italia-Belgio finisce 1-3. Brutta sconfitta per gli Azzurrini guidati da Di Biagio. Il nuovo corso della Under 21 non poteva cominciare peggio di così. Tabellini e marcatori della partita.

Dopo un primo tempo brillante, con l’Italia che passa in vantaggio con una rete di Battocchio, la ripresa è segnata dalla stanchezza e da qualche errore di ingenuità. Una battuta d’arresto su cui meditare, come dice Di Biagio a fine gara, ma anche da archiviare in fretta. Lunedì prossimo si torna di nuovo in campo a Nicosia contro Cipro, per la seconda gara del girone.

Completamente rinnovata per raggiunti limiti di età, l’Under è nuova anche nel modulo: un 4-2-3-1 dove trovano spazio solo due medaglie d’argento, Bardi in porta e il capitano Bianchetti difensore centrale in coppia con Di Lorenzo, laterali Sabelli e Liviero, quindi linea a due con Baselli e Molina alle spalle di Piscitella-Battocchio-Gatto e quindi Belotti unica punta.

Di fronte ad un Belgio che ha già fatto il suo esordio in Europa nella gara contro Cipro vinta 2-0, l’Italia cerca di sfondare sulla corsia di sinistra sfruttando la velocità di Gatto e gli inserimenti di Piscitella e si dimostra subito molto vivace negli ultimi sedici metri, mancando però in fase conclusiva. Proprio Gatto al 20’ su punizione non trova lo specchio della porta, mentre in precedenza, al 6’, Belotti lanciato a rete viene fermato dal fischio dell’arbitro sul filo del fuorigioco. Al 39’ l’Under passa in vantaggio con il più piccolo, in senso di altezza, dei suoi uomini, Cristian Battocchio del Watford, che devia di testa sul secondo palo un precedente colpo di testa di Di Lorenzo su angolo battuto da Gatto. Una buona Italia chiude in vantaggio il primo tempo, grazie alla caparbietà e alla determinazione dimostrata in campo.

La ripresa si apre con il Belgio all’attacco. Passano appena due minuti e l’Italia subisce il pareggio a conclusione di un’azione di contropiede che trova sbilanciata la difesa azzurra e per Hazard è un gioco da ragazzi spiazzare con il sinistro Bardi. Molto abili nelle ripartenze, i belgi non mollano e, padroni della situazione, colpiscono ancora. Al 7’ doccia fredda per gli Azzurrini: angolo di Ferreira Carrasco e Malanda, lasciato solo soletto, firma il 2-1 da centro area, indirizzando il pallone nell’angolino in basso a destra. Durante i minuti di recupero arriva la terza rete degli ospiti, con Ferreira Carrasco, lesto a trovare l’angolino prima del triplice fischio.

Adesso c’è appena il tempo per riordinare le idee e non rischiare di rovinare tutto già dall’inizio. Il tecnico, pur sottolineando che non ha nulla da rimproverare alla squadra, ammette che “abbiamo giocato a sprazzi, ma troppo poco per competere al livello del Belgio che sapevamo essere una buonissima nazionale. C’è da qualcosa ancora da registrare, lo faremo: siamo qui per questo”.

“Dobbiamo insistere spiega Di Biagio – capire già da stasera quali sono gli errori. Bisogna essere più continui, in alcune occasioni ci siamo allungati troppo, ma dobbiamo continuare sulla nostra strada cercando di essere più uniti e di diventare una squadra nel vero senso della parola”.

Italia-Belgio 1-3 (1-0)

ITALIA (4-3-1-2): Bardi; Sabelli (31′ st Zappacosta), Bianchetti, Di Lorenzo, Liviero; Molina, Baselli, Gatto (19′ st Longo); Battocchio; Belotti, Piscitella (11′ st Improta). In panchina: Pigiacelli, Fossati, Antei, Crisetig. Allenatore: Di Biagio
BELGIO (4-1-4-1): Coosemans; Vermijl, Arslanagic, Mechele, Lukaku J.; Malanda; Hazard (16′ st Ntambwe), Bruno, Ferreira-Carrasco, M’Poku; Batshuayi (25′ st Vetokele). In panchina: Kaminski, Praet, De Bock, Tielemans, Vervoort. Allenatore: Walem
Arbitro: Stefanski (Polonia)
Reti: 39′ pt Battocchio (I), 2′ st Hazard (B), 7′ st Malanda (B), 47′ st Ferreira-Carrasco (B)

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi