Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Il presidente di Lega Serie Bwin Andrea Abodi 2(Calciopress – Redazioneweb) L’incontro all’ANCI, la casa del grande patrimonio culturale e sociale rappresentato dai Comuni italiani, vuole testimoniare la primaria attenzione e il grande valore che la Lega Serie B attribuisce ai territori, una ricchezza di saperi, di gusti e di tradizioni.

Se è vero che il campionato cadetto, salvo alcune eccezioni non rappresenta i grandi palcoscenici del calcio globalizzato, è altrettanto vero che da sempre i club della Serie B testimoniano il calcio dei luoghi, con le proprie caratteristiche e particolarità che rappresentano, tutte insieme, il tesoro di maggior sostanza del nostro Paese. 

La Lega Serie B, dalla sua costituzione nel 2010, ha iniziato a tessere la tela dei suoi rapporti con la rete delle città, accompagnando il Campionato di Calcio prima con B Solidale, un nuovo modello di Responsabilità Sociale a supporto del terzo settore, al quale ha affiancato B Futura, un progetto unico nel suo genere dedicato allo sviluppo delle infrastrutture sportive dei club associati. Dopo tre anni B Solidale sta diventando una Fondazione e B Futura una società di sviluppo, a testimonianza di una visione e una missione che la Lega riesce a disegnare e realizzare con puntuale coerenza.

Ma la Lega Serie B intende assumere un ruolo attivo anche nella promozione territoriale, valorizzando le comunità sportive che rappresenta e rinsaldandone il rapporto con le altre componenti che qualificano i territori, sviluppando una piattaforma dedicata e assegnandole la denominazione della propria rappresentativa dedicata ai giovani talenti italiani della Serie B Eurobet, B Italia, articolandola in 5 temi: 
– Scuola e Formazione; 
– Socialità e Territorio;
– Ambiente e Paesaggio;
– Tesori d’Arte e Cultura;
– Tipicità e Alimentazione.

Il calcio come veicolo per la promozione del territorio. E’ questo l’obiettivo di ‘B-Italia’, la piattaforma ideata dalla Lega Serie B per la valorizzazione Territoriale presentata questa mattina presso la sede romana dell’ANCI nel corso di un incontro tra i presidenti delle società cadette e i sindaci dei 22 Comuni che partecipano al campionato.

“Con questo progetto – ha spiegato il presidente della Lega di Serie B Andrea Abodi (nella foto) – si trovano le condizioni ambientali affinché il calcio sia un luogo di socialità e di crescita”.

Abodi ha auspicato il coinvolgimento nel progetto delle altre leghe, mentre il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete è intervenuto per sottolineare l’importanza di un’iniziativa che permette di avvicinare i club ai territori di appartenenza.  Nel corso dell’incontro, a cui hanno preso parte anche il direttore generale della Figc Antonello Valentini, il direttore generale della Lega Serie B Paolo Bedin, il delegato Anci a Sport e Politiche Giovanili Roberto Pella e i Commissari Straordinari dell’Istituto per il Credito Sportivo Marcello Clarich e Paolo D’Alessio, sono state annunciate alcune delle iniziative che saranno realizzate nei 22 Comuni che ospitano le squadre della Serie B.

La Lega di B e i 22 club, con il patrocinio di Aic, Aiac e ANCI, da febbraio a maggio dedicheranno un giorno al mese per testimoniare attraverso i propri tesserati la loro vicinanza alla comunità di appartenenza.

A febbraio entrerà nel vivo ‘Regoliamoci’, progetto che grazie alla collaborazione dell’Associazione italiana Arbitri porterà nelle scuole la conoscenza delle regole e dei valori del gioco del calcio, mentre altre iniziative metteranno in mostra i tesori d’arte, la Cultura e l’alimentazione tipica dei Comuni con lo scopo di promuovere anche l’offerta turistica del nostro Paese.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film