Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

cappellino gialloblù interoIl calcio italiano del terzo millennio sembra vicino al capolinea. E’ ormai esausto e snervato, esattamente come la politica di cui taluni lo ritengono l’opaca metafora.

Sembra aver perso ogni slancio e fantasia, prigioniero di una precarietà senza fine. Il miope asservimento a pay tv sempre più intrusive lo ha di fatto impantanato nella sterile gestione di un eterno e obsoleto presente.

Alle nostre latitudini il mondo pallonaro non ha più stelle polari da seguire nè orizzonti verso i quali dirigersi, salvo incaponirsi a tutelare gli interessi dei pochi a scapito di quelli dei molti. Il risultato è la progressiva emarginazione dei milioni di tifosi che ancora ci credono, la vera architrave di tutto il sistema.

Nessuno sembra più capace di vendere i sogni, la materia prima di uno sport a suo modo ancora bellissimo. A livello federale predomina l’arido minimalismo di conservare la poltrona, senza provare a mettersi in gioco con il rischio di perderla. In quanto alle Leghe e ai club di cui sono espressione, prevale il reiterarsi di presidenze e dirigenze mediocri.

Le rivoluzioni sono sempre opera di visionari. Gente come il compianto Steve Jobs, uno che è riuscito davvero a cambiare il mondo con le sue idee antesignane. Il calcio, viceversa, è governato da figure che neppure si pongono il problema di rigenerarsi.

Personaggi inabili ad affrontare il percorso necessario per frantumare schemi ormai ingessati e dare vita a nuovi modelli di riferimento. Anche per questa ragione i giovani sono scomparsi dagli stadi.

L’età media degli spettatori continua a salire. Tanto è vecchio il manico, quando lo sta diventando il pubblico. Come sperare di attrarli, i giovani disincantati del terzo millennio, quando mancano quegli scatti di fantasia che nessuno pare in grado oggi di produrre?

L’assenza cronica di iniziative e la gestione strascicata di un derelitto presente stanno conducendo il sistema a un progressivo inaridimento, tra uno spezzatino e l’altro più o meno indigesto. Si potrebbero seppellire anche gli ultimi ardori. Non è questo il calcio che vorremmo. Prigioniero dei suoi errori e delle sue perverse abitudini.

La precarietà dei nostri tempi mediocri condanna il calcio a poco più di un’opaca sopravvivenza, mentre avremmo bisogno di persone capaci di riportare il movimento sulla strada da cui è stato allontanato con tanta bieca pervicacia. Se mai esistono, dove si sono andate a nascondere? Questa è la domanda.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 giorni fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali5 giorni fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni2 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono sempre ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile, il ruolo cruciale del Centro Sportivo

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica. La seconda anima...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film