Connect with us

Pubblicato

il

Gambe & Pallone 1Quando il tempo dei  verdetti si avvicina e la gente fiuta aria di promozione o di play off, anche le piazze più spente sembrano entrare in subbuglio. L’entusiasmo sale alle stelle.

Stadi fino ad allora vuoti come cattedrali del deserto, magicamente si riempiono. Le città vanno in tilt. Si registrano esodi biblici, ammesso e non concesso che l’Osservatorio li consenta. Un fiume di gente si riverserà nelle strade a giochi fatti, dando vita a una bolgia di colori. Euforia e bagni di folla mai visti.

Tutto bene. E’ il bello del calcio, la sua anima più vera. Succede ad ogni latitudine, quando si riesce a catturare un sogno a lungo sognato. E’ più che giustificato tornare bambini per festeggiarlo. Si tratta del lato nobile di uno sport popolare, anche se spesso criticato e discusso. In virtù del quale si resta fedeli nel tempo ai propri colori, sempre e comunque. In un modo a tal punto speciale da non essere, in assoluto, riproducibile in qualsiasi altro aspetto della vita.

Ecco così che, a maggio, spunteranno come funghi i tifosi dell’ultima ora ovvero i tifosi per caso. Quelli che salgono solo quando il treno in corsa ha per destinazione il paradiso. Quelli che non vogliono assolutamente mancare a nessuno degli eventi della città in cui vivono, pur senza riuscire a carpirne la specificità. I presenzialisti a ogni costo. Gli imbucati ad una festa che non gli appartiene e che non hanno contribuito a organizzare. Dov’erano costoro nei momenti bui, quando le maglie avrebbero avuto bisogno di loro? E’ sempre andata così. E così continuerà ad andare. Nel calcio come nella vita. Un modo di essere che fa parte del genoma degli umani.

Largo a chi vuole esserci a tutti i costi. Ma il tifoso vero, quello doc, è ben altra cosa. Lo sanno, eccome, piazze calde e appassionate che hanno dovuto mangiare la polvere finendo sull’orlo del baratro. Città in totale simbiosi con le maglie, ma che hanno avuto a che fare con l’asprezza del dolore senza che il sostegno venisse mai meno.

Sia come sia ben vengano i tifosi per caso. Fanno anche loro numero. Il mondo pallonaro italiano ne ha bisogno per rinascere dalle sue ceneri. Costoro sappiano però che le maglie portano i colori della città e che si devono saper amare sempre e comunque.

Nel calcio non dovrebbero esistere le stagioni dell’amore. La passione che proviamo per la nostra squadra del cuore, quella vera e genuina, dovrebbe manifestarsi nella buona come nella cattiva sorte. Senza pause nè picchi, ma solo per seguire la sottile linea rossa che porta dritta al cuore.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi