Connect with us

Pubblicato

il

Napoli________Tabellone Serie A Tim 1La quarta edizione del ‘ReportCalcio’ (presentato dal Centro Studi, Sviluppo e iniziative Speciali della Figc in collaborazione con Arel e PwC) ha preso in esame il numero totale di spettatori che hanno assistito alle partite del calcio professionistico italiano (serie A, serie B e Lega Pro).

Nella stagione 2012-2013, complessivamente, la presenza di pubblico negli stadi delle tre categorie del calcio italiano è stata di 12,3 milioni. Un dato che segna un pauroso calo, valutabile in una misura del  6,4%, rispetto ai 13,2 milioni del campionato 2011-2012.

In serie A la media degli spettatori è stata di 22.591 e la colloca al quarto posto in Europa dietro ai principali competitors continentali (QUI i dati completi e la classifica aggiornata al 2012-2013), esattamente come accade nel Ranking Uefa (QUI la classifica in tempo reale). Dietro c’è solo la Ligue 1 francese.

La fuga dei tifosi ha molte e profonde ragioni, che sostanzialmente discendono dalla mala gestione che ha caratterizzato il sistema negli ultimi decenni a livello dirigenziale (“Gli stadi vuoti del calcio italiano, il flop visto dalla parte dei tifosi”).

Tra le cause di disaffezione rientra certamente la vetustà degli stadi. Il Report dimostra che gli impianti del calcio professionistico italiano sono ormai fatiscenti e inadeguati.

Quelli della serie A sono decisamente i più datati, con un’età media di 64 anni. Seguono quelli della serie B con 58 anni di anzianità, della Prima Divisione di Lega Pro sempre con 58 e della Seconda Divisione Divisione di Lega Pro che sono i più giovani con un’età media di 56 anni. 

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi