Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Allianz Arena bisLa profonda crisi del calcio italiano è espressa come meglio non si potrebbe dai continui scivoloni della serie A nel Ranking Uefa.

La deriva del sistema è legata soprattutto alla carenza di scelte in campo organizzativo, che vedrà implicata la Figc del dimissionario Giancarlo Abete e la conduzione delle Leghe professionistiche nella costruzione di un sistema più sostenibile di quello che sta miseramente franando (“Calcio e nuvole, a proposito del cosiddetto modello italiano).

A proposito di modelli da emulare, dopo aver illustrato a proposito dei vivai il modello Belgio (leggi QUI), uno dei fari  è certamente la Bundesliga. La Germania infatti, oltre a vantare i migliori bilanci societari del vecchio continente, ha visto più che triplicare i suoi ricavi nell’ultimo decennio.

Il successo tedesco si fonda su almeno cinque elementi.

1. Bilanciamento delle entrate. In Bundesliga la tv-dipendenza non esiste. Sponsor, merchandising e ticketing coprono quote elevate dei ricavi. I proventi da diritti tv sono di poco superiori al 30% (in Italia sono mediamente al 64%, ma in certi casi coprono l’80%).

2. Stadi moderni e indici di occupazione ai limiti della capienza. Il confronto su questo terreno è improponibile. Rispetto alla povera Italia del terzo millennio, che deve fare i conti con impianti obsoleti e con un calo crescente del pubblico pagante. Il trend degli spettatori in Germania non conosce battute d’arresto.

3. Biglietti di ingresso a basso costo. Il costo dei tagliandi per assistere alle partite di Bundesliga è il più basso d’Europa. I biglietti sono alla portata di tutte le tasche nel pieno rispetto dello spirito nazional-popolare di uno sport come il calcio (un concetto da lungo tempo evaporato nel Belpaese).

4. Equa distribuzione delle risorse. Non ci sono in Germania figli dell’oca bianca e dell’oca nera, come di norma avviene in Italia con vantaggi a carico delle solite privilegiate che finiscono per ammazzare il campionato di serie A e impedire ogni sorta di ricambio. Un dato importante, che porta a campionati sempre combattuti.

5. Cura dei vivai. In Bundesliga ogni anno sono investiti cento milioni di euro nelle accademie che alimentano i vivai. Il massimo campionato tedesco è una palestra per nuovi talenti. I club privilegiano i giovani che provengono dai rispettivi settori giovanili. Gli allenatori tedeschi sono meno soggetti alla logica del risultato che attanaglia i loro colleghi italiani e non hanno remore a lanciare in prima squadra i giovani che hanno le qualità giuste.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film