Connect with us

Pubblicato

il

Gambe con pallone 7L’arrembaggio all’iscrizione in Prima Divisione di Lega Pro Unica entro la scadenza perentoria del 30 giugno lascia spazio a una serie di riflessioni che rimandano tutte, inesorabilmente, allo stato di crisi in cui versa la categoria guidata dal presidente Mario Macalli.

Non è tutto oro quel che luccica. I 59 club aventi diritto hanno depositato in massa la fatidica domanda. Nessuno risulta al momento definitivamente escluso, ma in otto non hanno allegato la fideiussione. Non si sa con precisione quanti club siano in regola con i criteri infrastrutturali. Lo scarno comunicato diffuso dalla Lega di Firenze nulla dice sul punto. Tanto meno si hanno dati certi sullo stato delle liberatore e dei bilanci.

Tutti dentro? Alla fine è probabile che quasi tutte saranno ammesse il 18 luglio dalla Figc, perché la riforma “deve” in ogni caso partire e partire bene. In caso di bocciature ci penseranno i soliti ripescaggi a ricomporre l’esagerato format federale di 60 squadre divise in tre gironi.

Penalizzazioni a pioggia. Resta il fatto che saranno tanti i club gravati da punti di penalizzazione, alla faccia della regolarità dei campionati. Senza contare che in molti (12 su 60?) giocheranno le gare interne in stadi diversi da quelli della loro città, in virtù delle deroghe, alla faccia dei tifosi e delle strombazzate campagne di fidelizzazione.

Il Budget Finanziario Programmato. Va detto ancora che a partire da quest’anno è stato introdotto anche l’obbligo di accludere, ai fini dell’iscrizione, il budget finanziario programmato per i primi tre mesi della stagione calcistica 2014-2015. Questa voce sarà assoggettata dalla Covisoc a controlli trimetrali. Ogni sconfinamento dovrà essere coperto entro trenta giorni dall’accertamento, pena nuove penalizzazioni.

Un presente deprimente. Resta un mistero glorioso come una categoria povera di mezzi come la Lega Pro – che da lustri va avanti tra cancellazioni, deferimenti, penalizzazioni, mancato pagamento degli stipendi e chi più ne ha più ne metta – possa reggere il peso di 60 club la maggioranza dei quali inizia il torneo già alla canna del gas.

Quale futuro? La terza serie nazionale – anello debole di un sistema calcio professionistico italiano alla frutta, che non è in grado di contenere più di 70/80 club mentre se ne trascina dietro 102 – non potrà essere formata, in un ravvicinatissimo futuro, da più di 40 squadre. Solo in questo modo la categoria diventerà meglio gestibile e più facilmente controllabile (leggi “La Lega Pro unica nasce già pletorica?” del 10/6/2014).

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni7 ore fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi