Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Arrigo SacchiDopo quattro anni si esaurisce l’esperienza dell’ex Ct Azzurro alla guida delle Nazionali Giovanili, un percorso che ha visto circa 400 partite disputate dalle rappresentative italiane, con un incremento di oltre il 30%, e la crescita di diversi calciatori, molti dei quali oggi titolari in Serie A e nei principali campionati esteri: “Devo ringraziare il mio vice Maurizio Viscidi e la Federazione – ha spiegato Sacchi – che ha deciso di investire nei giovani in un Paese che non ci crede”.

“Siamo qui – ha sottolineato in conferenza stampa il direttore generale della Figc Antonello Valentini – perché domani scade il contratto di Arrigo, che per noi è stato un aiuto fondamentale per far rinascere il sistema delle Nazionali giovanili. Ha deciso di lasciare l’incarico a fine mandato, nonostante le nostre insistenze, e speriamo che in futuro possa ripensarci”.

“Lascio con dispiacere un incarico a cui tengo molto – ha confessato Sacchi, affiancato dal suo vice Maurizio Viscidi e dal segretario del Club Italia Mauro Vladovich – ma ho un avversario terribile che sono riuscito a  governare per 22-23 anni e che alla fine sta vincendo: lo stress. Ho avvisato la Figc già da un anno che a fine  mandato avrei lasciato. Non sono stato un bravo padre, ho trascurato  mia figlia, e non voglio fare lo stesso con la nipotina nata due anni e mezzo fa. E poi non sono più un giovanotto, il mio recupero è più lento”.
I bilanci in rosso di molte società, che non consentono investimenti a lungo termine, e un modello di calcio eccessivamente difensivo, che preferisce puntare su giocatori esperti: sono queste per Arrigo Sacchi le due principali cause del ritardo dell’Italia nella valorizzazione dei suoi giovani.

Tra i diversi risultati positivi ottenuti dalle Nazionali giovanili negli ultimi quattro anni spicca il secondo posto conquistato all’Europeo Under 21 alle spalle della Spagna: “Abbiamo eliminato una squadra come l’Olanda – ha ricordato Sacchi – e cinque loro giocatori sono partiti titolari in occasione della semifinale del Mondiale brasiliano. In questi quattro anni abbiamo lavorato molto, abbiamo cercato di dare ai ragazzi anche una dimensione e una mentalità internazionale”.

A giovani come De Sciglio, Florenzi, Insigne e Immobile, che si sono messi in mostra in Serie A, vanno aggiunti i vari Verratti, Caldirola, Donati, Fausto Rossi, passati dalla Serie B ad alcuni dei club stranieri più titolati. 

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film