Connect with us

Pubblicato

il

Pallone-ufficiale-Lega-PROIl nuovo presidente della Figc, Carlo Tavecchio, ha più volte ribadito che il calcio professionistico italiano è pletorico. Occorre sforbiciarlo alla grande se si vuole tenere in piedi un sistema che ormai fa acqua da tutte le parti, parola del numero uno della Federcalcio. Si tratta ora di capire se alle parole seguiranno i fatti, cosa che raramente accade alle nostre latitudini.

La prima a pagare pegno non potrà che essere la Prima Divisione Unica di Lega Pro, che si presenta ai nastri di partenza della stagione 2014-15 forte di una flotta formata da ben 60 unità. Il problema è capire se già da quest’anno potrà essere davvero possibile tenere a galla un numero di club tanto pletorico.


Come potrà una categoria povera di mezzi come la Lega Pro – che da lustri va avanti tra cancellazioni, deferimenti, penalizzazioni, mancato pagamento degli stipendi e chi più ne ha più ne metta  – reggere il peso di 60 club parecchi dei quali iniziano il torneo già alla canna del gas.


Saranno numerosi  quelli gravati da punti di penalizzazione già in partenza, per illeciti finanziari commessi all’atto delle procedure di iscrizione. Molto più numerosi quelli che finiranno nelle maglie del  Budget Finanziario Programmato, che sarà assoggettato dalla Covisoc a controlli trimestrali e rappresenta un vero spauracchio per tanti presidenti. Ogni sconfinamento accertato dovrà essere coperto entro trenta giorni, pena nuove penalizzazioni.


La terza serie nazionale – anello debole di un sistema calcio professionistico italiano alla frutta, che non è in grado di contenere più di 70/80 club mentre se ne trascina dietro 102 – non potrà che subire una drastica cura dimagrante, anche per evitare figuracce come quelle della telenovela ripescaggi che si è chiusa solo il 4 settembre a campionato partito.


Tavecchio in epoca recente ha proposto un terza serie formata da due gironi con 18 squadre ciascuno. Calciopress punta su un format a 40 (20+20), meglio se suddiviso in Prima e Seconda Divisione per creare un necessario cuscinetto con il pianeta dilettanti. Una soluzione che  renderebbe la categoria guidata da Macalli più  gestibile e più facilmente controllabile.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

Quando nella stagione 2020-21 Sofia Cantore fu trasferita alla Florentia San Gimignano, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni...

Editoriali2 settimane fa

Superlega Serie A femminile: un occhio di riguardo per i vivai

Per certificare il ruolo cruciale dei settori giovanili nella prossima Superlega professionistica della A femminile, è necessario tenere bene a...

Opinioni3 settimane fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Editoriali3 settimane fa

Serie A e Serie B femminili: mancano pochi giorni alle iscrizioni

Il termine di scadenza per le iscrizioni ai campionati di Serie A e Serie B femminile incombe. Entro le ore...

Opinioni4 settimane fa

Calcio femminile, non solo Superlega: e la copertura mediatica?

La Serie A Femminile – con il passaggio al professionismo – deve stabilire la sua mission, che passa attraverso un...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni3 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi