Connect with us

Pubblicato

il

Pallone-ufficiale-Lega-PROLa Lega Pro ha messo in calendario per lunedì 16 febbraio un’assemblea che potrebbe avere esiti imprevedibili.

Il presidente Mario Macalli potrebbe essere messo alle corde dalle società ‘dissidenti’, sempre più numerose, guidate dal consigliere Gabriele Gravina.

Come anticipato in altro articolo (QUI) il dirigente la definisce “farsesca”, in quanto mera prosecuzione di quella sospesa lo scorso 15 dicembre dopo la mancata approvazione del bilancio (
QUI).

Nel corso della stessa ntervista rilasciata a La Presse (leggetela integralmente QUI), Gravina sostiene di avere i numeri per mettere in minoranza il presidente Macalli anche se “all’ordine del giorno ci sono solamente l’elezione di un consigliere di Lega e i criteri di ripartizione dei diritti Tv senza fare nessun riferimento al bilancio e convocando la prosecuzione di un’assemblea avverso la quale è stato presentato ricorso al Collegio di Garanzia del Coni per chiederne la nullità”.

“E’ una cosa che fa accapponare la pelle. Sono disorientato dal sentire affermazioni di alcuni cosiddetti esperti del settore secondo i quali, citando alcuni esempi negativi avvenuti nello sport in passato, si può stare anche senza il bilancio approvato. Si può stare, ma nell’irregolarità”, prosegue Gravina.

Sulle possibili dimissioni di Macalli il dirigente si dichiara scettico e dice che “non ha nessuna intenzione di farlo ma, se non ha la fiducia delle società, deve andare a casa”.

In merito alle forti pressioni denunciate da alcune società da parte dell’attuale governance, Gravina spiega di essere “contento di queste denunce” si augura che “anche tanti altri agiscano in modo da fare chiarezza”.

In quanto al comportamento della Figc e del presidente Tavecchio nella vicenda per Gravina “sanno benissimo cosa sta avvenendo e voltano la faccia dall’altra parte e questo significa essere corresponsabili”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi