Connect with us

Pubblicato

il

Pallone sgonfio moderna

La Lega Pro, dalla stagione sportiva 2014-2015, è diventata Prima Divisione Unica. La terza serie nazionale è tornata a essere la vecchia Serie C di una volta, formata da 60 club suddivisi in tre gironi da 20 squadre ciascuno.

Una scelta che certifica il fallimento della riforma lanciata in pompa magna dalla Lega di Firenze il 19 giugno 2008, con la quale Mario Macalli si proponeva di “realizzare un cambiamento epocale della terza serie nazionale” e di “uniformare la nuova categoria al modello delle leghe inglesi”. Un passo indietro inevitabile.

Preso atto del risicato margine di sopravvivenza assicurato al numero strabordante di club inclusi (90) dalle risorse disponibili, Macalli – la cui governance è messa oggi a dura prova da una contestazione crescente che serpeggia tra le società da lui dirette – decise a suo tempo (forse troppo tardivamente…) di innestare la retromarcia.

Il fatto è che non sembra sostenibile gestire sessanta società all’interno di una categoria con così poche risorse e dunque molto fragile dal punto di vista finanziario.

A questo dato di carattere generale si aggiunge il rilievo che solo le tre vincenti dei gironi saranno promosse direttamente in B, mentre la quarta dovrà passare per la lotteria degli spareggi. Per la serie quando la montagna partorisce il topolino.

Si somma a tutte queste oggettive perplessità lo stato precario in cui versano i bilanci della grande maggioranza dei club di terza serie, che stanno affrontando un’ avventura sempre più complicata da gestire.

Sarebbe stato forse meglio volare bassi già dalla stagione 2014-15. E’ verisimile ritenere che potrebbe rendersi necessaria, a tamburo battente, una nuova e ancor più dolorosa ristrutturazione del format.

Alimentare illusioni e promesse, che potrebbero non essere mantenute tra un’alternanza devastante di fallimenti e ripescaggi , non sembra la strada più giusta da percorrere  in questi tempi bui.

Come dimostra l’incombente fallimento del Parma in Serie A i numeri del calcio professionistico italiano dovranno essere rivisti drasticamente verso il basso.

La prima categoria a pagare pegno non potrà che essere la Lega Pro, adeguando il numero dei club aventi diritto alla dura realtà dei fatti.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi