Connect with us

Pubblicato

il

Pallone ufficiale Serie Bwin_____00001Il destino del Parma è appeso a un filo. Il club gialloblù è allo sbando. Ultimo in classifica, non ha alle spalle una società in grado di evitare il baratro. Si è arrivati al punto che il Tardini non è stato ritenuto agibile per la gara interna in calendario con l’Udinese, rinviata sine die.

Una situazione paradigmatica dello stato comatoso in cui versa il calcio italiano. Per la prima volta addetti ai lavori e tifosi si trovano a che fare con il possibile ritiro di una squadra di serie A in corso di campionato.

La strada che molti consigliano di battere, a partire ovviamente dai fedelissimi sostenitori del club emiliano, è quella di percorrere l’iter del fallimento pilotato.

Una linea abbracciata anche dal presidente della Figc, Carlo Tavecchio, che ha dichiarato: “Bisognerebbe portare i libri in tribunale al più presto. Credo che la sentenza sia stata fissata troppo tardi rispetto ai tempi necessari”.

Una soluzione che consentirebbe di gestire al meglio le scarse risorse disponibili tramite una curatela ad hoc e di salvare il titolo sportivo ripartendo dalla categoria immediatamente sottostante. A condizione, perà, che tutte le operazioni correlate vengano completate entro la corrente stagione sportiva.

Il Parma, in presenza eventuali di acquirenti e mediante il ricorso a procedure d’asta, potrebbero dunque ripartire dalla A (in caso di imnprobabile salvezza) o, nel peggiore dei casi, dalla Serie B. Nel momento in cui le aste andassero deserte, ovvero se la strada del fallimento pilotato non fosse neppure intrapresa, i gialloblù ripartirebbero dai campionati dilettanti.

Un escamotage discutibile, seguito in passato da altri club (Ascoli, Bari, Lanciano, Pescara), che non sembra davvero far bene al nostro calcio (“Fallimento Parma, l’enigma Covisoc“).

Il mondo pallonaro italiano, assai più malato di quanto ancora venga lasciato credere e ormai fuori controllo dal punto di vista economico, mai come oggi avrebbe bisogno di ben altro genere di certezze per rimettersi sulla via maestra da troppo tempo abbandonata.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali5 giorni fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi