Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale Nazionale 1L’incombente fallimento del Parma e la sua possibile esclusione dalla serie A in corso di campionato aprono scenari bui per un calcio in stato di crisi profonda come quello italiano, gravato da un numero ridondante di club iscritti ai campionati professionistici (“Crac Parma, urgono riforme e regole”).

Paradossalmente questo avviene proprio in coincidenza con un inatteso risveglio in ambito internazionale, contrassegnato dal contemporaneo passaggio di turno di cinque squadre in Europa League e dalla conseguente risalita nel Ranking Uefa (“Ranking Uefa, l’Italia fa boom in classifica”).

In questo contesto la Figc continua a temporeggiare, rinviando decisioni che sarebbero invece urgenti per assicurare una qualche regolarità al campionato di massima serie nazionale.


Il presidente Carlo Tavecchio ha infatti accolto la richiesta avanzata da AIC e AIAC autorizzando il rinvio della sfida di campionato Genoa-Parma in programma domenica. Una decisione che fa il paio con l’altro rinvio, quello decretato per Parma-Udinese.


A renderlo noto è stato lo stesso presidente durante la conferenza stampa che ha fatto seguito al Consiglio Federale: “Un fatto dal punto di vista amministrativo estremamente grave e non credo ripetibile, a meno di casi in cui intervenga il Tribunale o altre autorità superiori”.

Il numero uno della Figc si assume le proprie responsabilità: “Di questa scelta sono stato investito dal Consiglio Federale, ma mi prendo la responsabilità personale. Considerando lo stato morale, etico, individuale e sportivo dei calciatori, ho ritenuto di rinviare la partita, ma non posso farlo ogni domenica”.

“Domenica scorsa – prosegue il presidente federale – è stata rinviata la partita perché la squadra non voleva giocare a porte chiuse. Non ho voluto mortificarli. Poi non sono stati fatti i passi che avevo auspicato”.

“Nessuno ha presentato i libri in tribunale – spiega – quindi non si è aperta una procedura fallimentare e non si è ancora potuto iniziare un esercizio provvisorio per aiutare il Parma. La Lega di A si è detta disponibile ad aiutare un soggetto credibile, che può essere solo il Tribunale”.

Tavecchio nega responsabilità dirette della Federcacio: “Il Parma è allo sbando, ma la Figc non ha nessuna responsabilità per il default del club, né per quello che è accaduto dall’estate scorsa a oggi. In questo momento nessuno può dare un euro ad una società che sta fallendo, ma non è ancora fallita. Quindi, considerato lo stato d’animo dei calciatori, valutata la richiesta dell’Aic e della Associazione degli allenatori, rinviamo la partita con il Genoa, ma sarà l’ultima volta”.


Staremo a vedere se, alle parole, seguiranno stavolta i fatti. 

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film