Connect with us

Pubblicato

il

Gambe & Pallone 1Il fallimento del Parma è ormai dietro l’angolo. Si sta consumando lentamente grazie anche alla negligenza dei molteplici organismi di verifica dei bilanci societari, che avrebbero dovuto vigilare sulla regolarità dei tornei professionistici italiani.

Un evento tristissimo, a prescindere dal proprio credo personale in fatto di tifo. Riuscirà  a scuotere le nostre coscienze addormentate?

La cancellazione di un club storico come quello gialloblù – che si potrebbe verificare a campionato in corso in una serie A sempre più inondata dai soldi delle televisioni a pagamento – aiuterà a trovare il bandolo della matassa di un calcio da troppo tempo avvitato su se stesso, fino a trasformarsi in un ignobile pateracchio senza capo né coda?

Anche adesso che (quasi) tutti i nodi stanno venendo al pettine, le componenti del mondo pallonaro continuano a temporeggiare e non si decidono a risolvere in tempi rapidi le criticità che minano il sistema fin dalle sue fondamenta.

Nessuno ha il coraggio di assumersi la responsabilità dello sfascio immanente che oggi travolge e annichilisce i tifosi del Parma, ma che presto potrebbe infettare a cascata altri e gloriosi club.

Non i vertici federali, incollati a poltrone che ballano nel vuoto. Non la Lega, con i presidenti che si riuniscono solo per parlare del modo in cui dividersi i diritti tv. Non i media, distratti da un’attenzione quasi spasmodica verso tematiche gossipare che distoglie dalle vere questioni di fondo. E forse neppure i tifosi, che spesso scelgono la via del disincanto e della diserzione.

Domina l’indifferenza, il peggiore di tutti i mali secondo Antonio Gramsci. Si insiste a far finta di essere sani, come cantava Giorgio Gaber, mettendo la sordina agli scandali che si ripetono a getto continu .

In questo deserto culturale sarà difficile trovare, nei tempi rapidi che sarebbero fondamentali, soluzioni efficaci e condivise. Il calcio continuerà a navigare a vista, senza fissare orizzonti solidali verso i quali veleggiare.

Per chi detiene le leve del potere pallonaro la parola d’ordine, almeno così sembra,  è andare  comunque avanti. Costi quel che costi.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi