Connect with us

Pubblicato

il

Telecamere SKY a bordo campo 1Il caso Parma potrebbe trascinare il sistema calcio italiano in una situazione drammatica.

Il fatto è che le pay tv non ci stanno. L’incredibile crac verso cui è stato trascinato il club gialloblù chiama direttamente in causa gli ufficiali pagatori del sistema pallonaro tricolore, ovvero le televisioni a pagamento.

Sky e Mediaset, versando cospicui diritti tv, tengono praticamenti in piedi un baraccone che non ha altri rilevanti introiti.

Ecco così che Sky rompe gli indugi e, con una lettera firmata da Jacques Raynaud, vicepresidente esecutivo di Sport Channels di Sky Italia e indirizzata alla Lega di serie A, chiede con toni perentori ai club “voler quantomeno spiegare cosa intendete fare adesso per fronteggiare con efficacia la situazione e per garantire che il campionato veda almeno lo svolgersi di tutte le partite previste dal calendario”.

In buona sostanza questo significa che “noi abbiamo pagato e adesso fate giocare il Parma”.

Sky sottolinea di aver versato anche “la quinta rata” del corrispettivo per la stagione in corso ed esige che il Parma scenda in campo.


“Non possiamo non manifestare la nostra grave e crescente preoccupazione per quanto sta accadendo al Parma – si legge nella lettera  – e di conseguenza all’intero campionato, che ha già perso la sua regolarità e che rischia di essere privato definitivamente di una sua parte rilevante e di un club prestigioso“.


A convincere i club a tassarsi e trovare i 5 milioni di euro necessari per consentire al Parma di scendere regolarmente in campo fino al termine del campionato di serie A (sarà decisiva in questo senso la decisione dell’ssemblea di Lega in programma oggi), potrebbe essere anche il timore di una verisimile richiesta di risarcimento danni delle tv (pay) nel caso in cui il Parma si ritirasse dal torneo.


Sky e Mediaset potrebbero chiedere alla Lega da 30 ai 50 milioni di risarcimento. Gli abbonati potrebbero rivalersi a loro volta con Sky.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni5 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato2 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali4 settimane fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film