Connect with us

Pubblicato

il

Pallone e guanti_____00004L’Associazione Italiana Calciatori è molto preoccupata per la crisi in cui sta sprofondando il sistema calcio italiano, che mette a rischio gli stipendi di decine di tesserati.

A questo scopo il 9 marzo è stata fissata un’Assemblea per discutere sul da farsi in materia, senza limitarsi al solo crac del Parma (leggi QUI).

Nel frattempo il presidente AIC, Damiano Tommasi, ha voluto replicare alle parole del presidente della Lega Pro che aveva invitato i calciatori a “vergognarsi per i 15 minuti di ritardo” e “autotassarsi per consentire al Parma di giocare le partite”.

“Quanto ha detto oggi Macalli, in qualità di vicepresidente federale, credo che non sia un bel messaggio. In questo momento mi riesce difficile commentare delle frasi qualunquiste assolutamente inadeguate per le soluzioni che si stanno prospettando”, spiega Tommasi.

Il numero uno dell’Assocalciatori prosegue: “Da appassionato di calcio, sportivo e tifoso sono davvero preoccupato nel sentire certe dichiarazioni: un vicepresidente federale dovrebbe cercare di trovare soluzioni valide, non lasciarsi andare a demagogici discorsi da bar”.

Riguardo alle accuse di Macalli ai calciatori di serie A di non partecipare al fondo di garanzia, al quale aderiscono i loro colleghi di B e Lega Pro, Tommasi chiarisce: “Macalli sa perfettamente che da anni chiediamo alle società di Serie A di inserire nell’accordo collettivo, come è stato fatto per la B e la Lega Pro, la possibilità di trattenere lo 0,5% dei contratti dei calciatori da destinare al fondo di solidarietà, ma non ce lo permettono”.

Conclude il presidente dell’Aic: “Macalli si chieda piuttosto come sia stato permesso al Monza, che è nelle medesime condizioni del Parma, di fare mercato a gennaio, con l’avvallo della Lega Pro, quando ben 15 calciatori si sono svincolati in quanto non pagati dall’inizio della stagione”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi