Connect with us

Pubblicato

il

Cameramen SKY_02Anche in Premier League c’è un problema di competitività.   Il campionato è altrettanto squilibrato quanto quello della nostra Serie A (“Premier, un torneo poco equilibrato?”).

Ci sono però altri aspetti (in apparenza?) molto positivi, tali da riuscire a compensare quelli più opachi.

Il massimo campionato inglese è ormai diventato un marchio globale. Un vero e proprio brand, tanto per ricorrere a un termine fin troppo abusato in ambito aziendale.

Bisogna uniformarsi visto che il calcio è ormai diventato un’azienda, anche se del tutto speciale in quanto trainata dalla passione dei tifosi (“Tifosi,il lato più etico del calcio“).

La Premier League si è trasformata in un brand appetibile che catalizza forti investimenti dall’estero e che esporta diritti televisivi in tutti i paesi del globo. In tal modo rappresenta una fonte di introiti fondamentale e influisce positivamente sulla bilancia dei pagamenti britannica.

Molti dei migliori calciatori del mondo trovano nella Premier la loro stella polare. Decidendo di giocare con club inglesi questi fuoriclasse, i cosiddetti top players, contribuiscono a valorizzare ulteriormente il marchio.


Ecco così che, mentre gli stadi della Serie A italiana si svuotano paurosamente e l’appeal dei nostri club a livello internazionale continua a precipitare,  il numero di appassionati del calcio inglese a livello globale è diventato imponente.

In molti paesi, anche del lontano Oriente, c’è un numero crescente di persone che si dichiara tifoso di un club di Premier. Tutto accade grazie alla diffusione del marchio favorita dalle pay tv che, a colpi di diritti televisivi milionari, stanno però trasformando i tifosi in semplici spettatori.

E’ davvero questo il calcio che vorremmo, trainato non più dai tifosi ma da agiati teleutenti da salotto?

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni6 giorni fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi