Connect with us

Pubblicato

il

Stamford BridgeIn Premier League non è tutto oro quel che luccica (“Premier, tifosi o solo spettatori?“).

Come nella nostra Serie A, esiste un enorme divario tra i sei club considerati più ricchi e tutti gli altri.

La considerazione è di Will Hutton, giornalista che scrive sul The Observer. Un suo articolo  pubblicato il 27 febbraio scorso dal settimanale Internazionale (“Sulla Premier League pesa la disuguaglianza”), diffonde molte ombre sul massimo campionato inglese.

La top six di Premier in termine di ricchezza comprende tre club di Londra (Arsenal, Chelsea e Tottenham) e due di Manchester (United e City), ai quali si aggiunge il Liverpool.

La prova? A partire dal 2004 il massimo torneo inglese è stato vinto 5 volte dallo United (che vanta un totale di 20 titoli), 3 volte dal Chelsea (che ha trionfato in Premier 14 volte) e 2 volte dal Manchester City (nel cui palmarès sono compresi 4 successi).

L’Arsenal, nonostante la potenza di fuoco economica che lo ha portato a vincere 13 tornei, non arriva primo da un bel pezzo. Idem dicasi per il Liverpool, che assomma addirittura 18 vittorie nella massima serie inglese.

La controprova? Nessuna delle squadre neopromosse dalla Championship (equivalente della nostra Serie B) può lontanamente pensare di competere per la conquista del titolo con club che sono caratterizzati dalla gran quantità di talenti che possono schierare in rapporto allo strabordante potere economico di cui dispongono.

Ciò è tanto vero che, nella maggior parte dei casi, le squadre arrivate prime in Championship trascorrono solo un anno in Premier e poi se ne tornano mestamente indietro. Delle squadre che hanno vinto la Championship negli ultimi dieci anni solo Newcastle, QPR, Sunderland e West Bromwich militano attualmente in Premier.

Stendiamo un velo su quelle salite in Premier dalle posizioni di rincalzo, di cui si è persa ogni traccia nel massimo torneo calcistico inglese.

Dati di fatto che demoralizzano proprietari, giocatori e tifosi dei club minori. Secondo Hutton sono ridotti a “carne da cannone”. La loro funzione è spesso e volentieri solo quella di comprimari delle top six, che continuano a ricoprirsi d’oro e mietere titoli.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi