Connect with us

Pubblicato

il

Guanti portierePer il calcio professionistico italiano non si profila un futuro tranquillo.

La Lega Pro guidata dal presidente Mario Macalli, la cui governance è finita nel mirino, naviga da lustri in un mare tempestoso gravato da penalizzazioni a cascata che stravolgono di continuo le classifiche dei gironi.

Ora anche la Serie A di Maurizio Beretta è nell’occhio del ciclone. Un po’  inaspettatamente, vista la pioggia di soldi che annualmente versano le pay tv nelle casse dei club della massima categoria nazionale. Il fallimento del Parma, decretato nella giornata di ieri, potrebbe essere l’avvisaglia di altre bufere finanziarie?


La Lega di Serie B presieduta da Andrea Abodi, a sua volta, non sta certo messa bene. Ieri il Tribunale Federale Nazionale (TFN), su impulso della Covisoc, ha affondato il Brescia e ha dato un altro colpo pesante anche al Varese.

Sei i punti di penalizzazione inflitti alle “rondinelle” e uno quello toccato al club biancorosso (QUI). La giustizia sportiva ha di fatto sancito le due ultime posizioni di classifica, stravolgendo il campionato e trasformando  le due società nelle cenerentole della categoria.

La situazione sembra sfuggita di mano un po’ a tutti. 
Certamente lo è alle tre Leghe professionistiche, i cui vertici si dimostrano sempre più inabili a gestire un presente così tanto complicato.

In questo senso anche Andrea Abodi, nonostante le sue tendenze oggettivamente riformiste (“Calcio, il senso di Abodi per le riforme“), rischia di essere travolto dalla valanga.

Eppure la Figc dell’incerto Carlo Tavecchio e il Coni di Malagò continuano a tenersi fuori.

Non sarebbe opportuno, arrivati a un punto che potrebbe essere di non ritorno, prendere dei provvedimenti dirompenti? Oppure si vuole che il giocattolo si rompa in modo definitivo?

Il mondo pallonaro italiano, che sta perdendo la reputazione, ha bisogno di essere urgentemente rimesso in carreggiata.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi