Connect with us

Pubblicato

il

Il futuro non è più quello di una voltaIl calcio sa talvolta regalare storie memorabili che, riportandoci alle sue più vere e antiche radici, aiutano a riflettere sul fatto che il football  resta (nonostante tutto) null’altro che un magnifico gioco.

Come ha scritto l’indimenticato Gianni Brera in una citazione tratta da un articolo sul grande Diego Armando Maradona, “il calcio si eleva di tre spanne agli occhi di coloro che, sapendolo vedere, lo prediligono su tutti i giochi della terra”.

Uno sport che sa diventare bellissimo. Capace di riscaldare i cuori, di suscitare sensazioni represse, di  far innamorare tifosi vecchi e giovani, di riunire intere comunità intorno a quegli undici uomini che sul campo indossano le maglie con i colori delle nostre città.

Calciopress ha già raccontato di quanto seppe fare il Calais, nel 2000 (“Alè Calais, per riscoprire che il calcio è bellissimo”).

E poi della mirabilie del Quevilly, nel 2012 (“Quevilly come il Calais, finalista in Coppa di Francia).

Stavolta tocca a una squadra italiana di Serie B, il Carpi, che sta per concludere la miracolosa impresa di salire in Serie A dalla Serie D in un arco di appena cinque anni.

Sorprendente è però soprattutto  il modo in cui questa rincorsa mozzafiato è maturata, prendendo il via da una semifinale play off di Serie D giocata dal club emiliano allo stadio “Simpatia” di Pianura.

Una (stra)ordinaria storia di calcio. La prova che nella vita nessuna missione è impossibile e che la realtà riesce spesso a superare la fantasia.

Leggetela, se ne avete voglia (“Carpi, come passare in pochi anni dal Pianura alla Serie A”).

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi