Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale NazionaleIl presidente della Prima Divisione Unica di  Lega Pro Mario Macalli (squalificato a tutto il 31 agosto dalla Figc per il caso Pergocrema) incassa la seconda bocciatura del bilancio e finisce sotto scacco.

L’assemblea della terza serie nazionale che si è tenuta il 30 giugno in concomitanza con  la data di scadenza delle iscrizioni in Lega Pro ha nuovamente respinto al mittente il consuntivo del 2013-14 (con 38 voti contrari, 23 favorevoli, 2 astenuti e 6 assenti).

Il parere negativo espresso dall’assemblea non è vincolante, come sancito dal Collegio di garanzia, ma nelle intenzioni della maggioranza dei club appare chiara la volontà di sfiduciare la governance della Lega di Firenze (che Macalli guida da 18 anni).

Il numero uno della Prima Divisione nazionale deve fare adesso i conti anche con il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, intenzionato a intervenire pesantemente sulla Lega Pro per mettere fine all’ingovernabilità che dura da dicembre (quando il bilancio fu bocciato la prima volta). 

A questo punto le ipotesi sono due. O Macalli si dimette e vengono indettenuove elezioni  (dopo che la magistratura e la Procura federale avranno terminato le indagini sui recenti casi di illeciti) o si va al commissariamento.

È sceso in campo anche il presidente del Coni Giovanni Malagò: “Il commissariamento della Lega Pro è più di un rischio. Ho parlato con Tavecchio e sa che non si può scherzare.  Lo statuto prevede che ci sia un passaggio per la convocazione del consiglio, perché forse all’epoca non si erano previste situazioni di stallo come questa. Di fatto serve una forma di intervento per una nuova elezione o per commissariare, a prescindere da questi aspetti regolamentari”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film