Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

GuantiLEGGI
per gli aggiornamenti

Lega Pro 2015-16, quale sarà il format di partenza?

Ieri alle 19 è scaduto il termine per la presentazione delle domande di ripescaggio in Lega Pro. Calciopress ha seguito la procedura in tempo reale (“Ripescaggi Lega Pro in tempo reale“).

Si è trattato di un flop, come era nelle previsioni (“Ripescaggi in Lega Pro, cronaca di un flop annunciato“), ma la situazione è tutt’altro che chiusa.

Dal sito web della Sambenedettese calcio riportiamo integralmente il comunicato ufficiale diffuso congiuntamente dal club marchigiano (iscritto al campionato di Serie D), dal Gubbio e dal Forlì (società retrocesse dalla Lega Pro) con il quale viene impugnato avanti al Collegio di Garanzia dello Sport il contributo straordinario di 500.000 euro a favore della Figc che ha contribuito a bloccare le domande di ripescaggio in terza serie nazionale.

Lo riportiamo integralmente.

“Le società F.C. FORLI’ S.r.l, A.S GUBBIO 1910 S.r.l. e S.S.D. SAMBENEDETTESE A R.L. hanno impugnato in data odierna innanzi il Collegio di Garanzia dello Sport la delibera del Consiglio Federale della FIGC del 26 giugno 2015 resa nota con comunicato ufficiale FIGC n.327/A del 30 giugno 2015, con cui sono state dettate le norme per il ripescaggio.

La redazione del Ricorso è stata affidata ai Prof.ri Astolfo e Alessio DI AMATO. I motivi del ricorso sono cinque. Meritano di essere segnalati, in particolare, due aspetti del Ricorso.

Il primo attiene alla circostanza che la FIGC ha fissato una sorta di tassa per il ripescaggio estremamente onerosa, senza averne il potere. Difatti, nessuna norma, né dello Statuto della FIGC né dello Statuto del CONI, attribuisce alla Federazione Italiana Giuoco Calcio un qualsivoglia potere di imporre il versamento di contributi, al di fuori di quelli ordinari per l’iscrizione ai campionati. D’altra parte, un contributo così oneroso finisce con il porsi in contraddizione con quella esigenza di tutela dell’equilibrio finanziario delle società di calcio, di cui la FIGC afferma di volersi dare carico.

In secondo luogo, l’imposizione del contributo sembra fatta apposta per scoraggiare le società a chiedere il ripescaggio e realizzare, al di fuori delle procedure statutariamente previste, quella riduzione delle squadre partecipanti ai campionati di LEGA PRO che alcuni componenti del Consiglio federale hanno auspicato. Una riforma dei campionati, dunque, realizzata di fatto, ma illegittima (S.S.D. Sambenedettese A.r.l.)”

Il Presidente del Collegio di Garanzia dello Sport ha disposto, con decreto, la fissazione dell’udienza di discussione relativa al ricorso di Sambenedettese, Forlì e Gubbio contro FIGC avverso deliberazione Consiglio Federale del 26 giugno 2015 su criteri ripescaggio settore professionistico, limitatamente alla trattazione della richiesta di sospensiva. L’udienza si terrà il prossimo 31 luglio 2015, a partire dalle ore 09.30, dinanzi alle Sezioni Unite.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film