Connect with us

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale NazionaleLe sentenze di primo grado emesse dal Tribunale Federale Nazionale relative al primo filone dell’inchiesta Dirty Soccer, sono solo il punto di partenza nello scandalo del calcioscommesse che ha scosso il calcio minore italiano in un’estate mai tanto calda per i bistrattati tifosi.

Molti club sperano, a vario titolo, in una ribaltamento delle decisioni nei processi di secondo grado. In modo diretto e/o indiretto, sono interessati all’esito finale della vicenda almeno in undici. Si tratta di Catania, Teramo, Savona, Virtus Entella, Ascoli, Forlì, Gubbio, Torres, Vigor Lamezia, Messina e Pro Patria. 

Per questa ragione sono stati presentati numerosi ricorsi avanti alla Corte Federale di Appello, che rappresenta il secondo grado di giudizio (QUI). Esiste infine un terzo e ultimo grado di giudizio in grado di cambiare le carte in tavola, anche a tornei in corso.

Le decisioni della Corte Federale d’Appello dovranno comunque arrivare non oltre venerdì 28, ovvero tra quattro giorni, considerato che il 30 agosto cade di domenica e che lunedì 31 agosto è in programma il Consiglio federale all’Expo di Milano.

Nel frattempo il commissario della Lega Pro, Tommaso Miele, ha comunicato che i calendari della Prima Divisione saranno stilati giovedì 27 agosto (vale a dire in una data anteriore rispetto a quella prevista per le decisioni della Corte d’Appello) e che il campionato avrà inizio il 6 settembre.

Il rebus calcioscommesse si interseca con quello dei ripescaggi. Oggi scade il termine per la presentazione delle domande in Lega Pro. Anche se la procedura dovrebbe riguardare la riammissione di un solo club al posto del rinunciatario Castiglione, le cose non stanno esattamente così (“Ripescaggi in Lega Pro, chi ci prova oggi?“).

Alcune società di Serie D depositeranno oggi la domanda, sperando in un ripristino del format di Prima Divisione a 60 squadre. Si confida sul caso Novara che, lo scorso anno, ha fatto giurisprudenza in materia (“Lega Pro, ripescaggi, format a 56 e caso Novara“).

Il tempo stringe. Chi ne il ruolo istituzionale dovrebbe decidersi a decidere. Il calcio giocato incombe. Presto, che è tardi.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni5 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato2 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali4 settimane fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film