Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale NazionaleLo scandalo del calcioscommesse ha devastato il calcio italiano, minandone la credibilità dalle sue fondamenta. Le partite truccate hanno trasformato in un incubo l’estate di numerose tifoserie in ordine sparso (di Serie B, Lega Pro e Serie D).

Segnaliamo alcune rilevanti scelte di campo, tutte volte ad arginare il disgustoso fenomeno.

1. Il  Consiglio dei Ministri ha approvato e trasmesso al Parlamento il decreto legislativo intitolato “Misure volte a rafforzare il sistema sanzionatorio relativo ai reati finalizzati ad alterare l’esito di competizioni sportive” nato con l’obiettivo di punire da un punto di vista patrimoniale chi si rende responsabile di frodi sportive e altera illecitamente i risultati delle partite consentendo sia il sequestro preventivo che la confisca dei beni. Un provvedimento, nato da una proposta della Lega di Serie B presieduta da Andrea Abodi e risalente allo scorso febbraio, che ha incontrato il favore dei Ministri dell’Interno Angelino Alfano e della Giustizia Andrea Orlando.

2. Il nuovo Dl va a completare e inasprire le pene previste dal Dl sulla sicurezza negli stadi dell’ottobre del 2014 che aveva reso più severe le pene per le frodi in competizioni sportive: fino a 9 anni di reclusione per chi compra o vende partite.

3. Nello specifico, renderà più rigorose le conseguenze patrimoniali derivanti dalle condanne comminate per il reato di match fixing (frodi collegate alle scommesse su eventi sportivi). Sarà sempre obbligatoria, anche in caso di patteggiamento, la confisca dei beni che costituiscono prodotto, profitto e prezzo del reato, anche se tali beni siano formalmente intestati a terze persone. 

4. Delle frodi commesse dai dirigenti di una società – nell’interesse della società stessa – risponderà infatti il patrimonio sociale. Un tentativo di dissuadere dunque dal commettere illeciti di questo tipo ed evitare nuovi scandali “calcioscommesse“.

5. Infine Lottomatica, sempre con il medesimo obiettivo, ha reso nota la propria decisione di non consentire le scommesse sportive  per la stagione 2015/2016 sulle gare di Serie D. Decisione in linea con la direzione indicata dalla Figc sul calcio dilettantistico, movimento che fa del divertimento unito alla pratica sportiva il proprio scopo principale.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film