Connect with us

Pubblicato

il

Pallone-ufficiale-Lega-PROLa Lega Pro, categoria da lustri in preda a  una grave crisi identitaria, sembra aver imboccato la via del tanto atteso rinnovamento. La mano di Gabriele Gravina inizia a farsi sentire.

Resta ancora irrisolta la questione del format federale, giocoforza ridotto da 60 a 54 squadre. Secondo il nuovo presidente, andrebbe ripristinato.

In attesa di capire in che modo questa ipotesi possa concretamente trasformarsi in realtà aggirando lo scoglio delle Licenze Nazionali (QUI), si registrano importanti decisioni.

Tutte vanno nel segno di una ritrovata centralità dei club, una scelta fondamentale per risalire la corrente. L’Assemblea straordinaria del 4 febbraio scorso ha tracciato la linea. Almeno quattro i punti salienti dell’attesa rifondazione:

1. L’approvazione del nuovo statuto, costituito da 107 punti e 42 articoli, che contiene molti aspetti innovativi. Tra i più salienti: il limite di due anni al mandato dei vertici e il diritto di revoca con maggioranza qualificata; la possibilità di assunzione della carica di vicepresidenti da parte di rappresentanti di club; il Comitato etico che diventa organo di Lega.

2. La costituzione di sette comitati territoriali, coordinati ciascuno da un consigliere del Direttivo, che genererà un confronto continuo sul territorio con i presidenti dei club iscritti per un virtuoso scambio di competenze e proposte.

3. L’accordo con un main sponsor del campionato, nel quadro di un’operazione di co-marketing che produrrà incentivi per i club.

4. Il varo di un progetto di assistenza fiscale e legale rivolto alle società, inserito all’interno di un ulteriore progetto di fair play e di formazione.

Molta la carne al fuoco, come si vede. Una serie di solide iniziative, che rendono la Lega Pro e il suo presidente Gravina alleati potenziali di Andrea Abodi.

Da tempo il numero uno della Serie B ha scelto la via delle riforme. Finalmente potrebbe aver trovato l’alleato giusto per realizzarle a livello federale (QUI). A dispetto di una Serie A sempre meno attenta ai problemi del calcio italiano e sempre più ripiegata sulle modalità di suddivisione dei diritti televisivi (QUI).

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali7 giorni fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film