Connect with us

Pubblicato

il

GuantiIscrizioni a rischio non solo in Prima Divisione Unica di Lega Pro, ma anche nella Serie B di Andrea Abodi? Potrebbe essere così. Il futuro resta ancora da decifrare, ma le scadenze incombono.

Se nella terza serie guidata dal presidente Gravina potrebbero essere più numerosi del previsto i club incagliati nell’iter procedurale per il rilascio delle Licenze Nazionali (“Lega Pro 2016-17, le iscrizioni sono un rebus“), si prospetterebbe a rischio l’ammissione al prossimo campionato di cadetteria del Brescia.

Già nell’estate 2014 la società lombarda era stata esclusa in prima battuta dal torneo, insieme a Siena e Varese (leggi QUI). Superato il momentaccio e una volta ottenuta l’ammissione, le Rondinelle ripresero a volare. Oggi la storia sembra ripetersi.

Entro il 24 giugno servono un milione e 300mila euro per gli stipendi delle ultime tre mensilità. Prima del 7 luglio è necessario un bonifico per raggiungere quota 8 milioni e 100mila euro per ripianare il debito per Iva non pagata dal 2011 al 2014. Dopo tutti gli sforzi dell’ultima stagione, il Brescia rischia pertanto di chiudere la sua gloriosa storia dopo 105 anni (fonte: ilgiornaledibrescia.it).

Secondo altre fonti, l’iscrizione non è in pericolo e non lo è mai stata. Fondamentale risulterà, come già avvenuto nel 2014, il ruolo di Ubi Banca. Sarà l’istituto bancario, che anche negli anni scorsi ha ricoperto il doppio ruolo di sponsor e creditore, a dare un apporto decisivo in questa fase (fonte: bresciaoggi.it).

Staremo a vedere. Fatto sta che il destino del Brescia interessa molto da vicino anche il futuro della Lega Pro. Se le Rondinelle non dovessero farcela, scatterebbe la riammissione del Livorno e si determinerebbe l’ampliamento del numero di ripescaggi necessari per riportare a 60 il format della Lega Pro (“Lega Pro 2016-17, il rebus ripescaggi“). Come sempre, a una tifoseria che si dispera se ne contrappone una che spera.

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni5 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato2 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali4 settimane fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film