Connect with us

Pubblicato

il

GuantiTra la Nazionale Under 21 e la Serbia la partita termina 1-1 come lo scorso novembre a Novi Sad finisce (QUI tabellino e marcatori).

Il pareggio ottenuto allo Stadio ‘Menti’ di Vicenza vale quasi come una vittoria per gli Azzurrini. Con un successo e un pari nelle ultime due gare del girone, quelle con Andorra e Lituania, Di Biagio e i suoi sarebbero certi di staccare il pass per l’Europeo.

In difficoltà nei primi 45’, la squadra di Di Biagio è cresciuta alla distanza, dimostrando di avere gambe e cuore, due doti che hanno caratterizzato un ruolino di marcia fatto di 6 vittorie e 2 pareggi, entrambi con una Serbia che anche stasera ha confermato di essere una squadra ricca di talento ma poco cinica nei momenti cruciali del match. Decisivo l’ingresso in campo nella ripresa di Federico Di Francesco, altro giovane talento da tenere in forte considerazione.

Il gol del vantaggio serbo arriva al 33’ grazie a una prodezza balistica di Gajic, che sugli sviluppi di una ripartenza si avvicina al limite dell’area e con un gran destro fulmina Cragno. L’Italia accusa il colpo e rischia di subire il 2-0 poco dopo, quando Grunjic di testa non trova la porta per una questione di centimetri.

Nella ripresa gli Azzurrini rientrano in campo con il piglio giusto. All’8’ Rosseti viene travolto dal portiere serbo e l’arbitro Del Cerro indica il dischetto. Cerri non sbaglia e dagli undici metri batte Milinkovic-Savic con un tiro forte e angolato.
 
“Nel primo tempo non siamo riusciti ad alzare il ritmo – il commento di Di Biagio – e loro sono stati bravi nel possesso palla. Non siamo riusciti a incidere, ma abbiamo avuto una splendida reazione e questo ci ha permesso di portare a casa un punto fondamentale. Onore a loro che sono una grande squadra, ma onore anche ai miei ragazzi perché, pur non giocando una grande gara, sono riusciti a reggere il colpo”.

La formazione schierata da Di Biagio:

ITALIA Under 21 (4-4-2): Cragno; Conti, Caldara, Romagnoli, Murru; Verre (67′ Pellegrini), Cataldi, Mazzitelli, Benassi (52′ Di Francesco); Rosseti (84′ Ricci F.), Cerri. A disp.: Meret, Biraschi, Calabria, Monachello.

La classifica del Gruppo 2

ITALIA 20 punti, Slovenia 15, Serbia 14, Rep. D’Irlanda 9, Lituania 6, Andorra 3

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni24 minuti fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi