Connect with us

Pubblicato

il

Crazy for footballIl film ‘Crazy for Football’ (nella foto la locandina) è stato presentato alla stampa presso lo Spazio Hdrà di Palazzo Fiano a Roma. Alla conferenza sono intervenuti, in rappresentanza della FIGC il presidente del Settore Tecnico Gianni Rivera, il regista Volfango De Blasi, il presidente dell’Associazione Italiana di Psichiatria Sociale Santo Rullo, l’allenatore della squadra Enrico Zanchini, il preparatore atletico nonché ex campione di pugilato Vincenzo Cantatore e il produttore Marco Lucchetti.
 
Il docufilm, prodotto da Sky Dancers con Rai Cinema in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà e con il patrocinio della Federcalcio, come informa il sito web della Figc, racconta le storie di dodici ragazzi che nel 2015 hanno partecipato ad Osaka al Mondiale di Calcio a Cinque per pazienti psichiatrici.

“La sensazione che si ha guardando questo film – ha sottolineato Rivera nel suo intervento – è che si tratti di una storia di calcio dove ognuno ricopre il suo ruolo nella maniera più normale. L’allenatore e tutto lo staff che spronano la squadra motivandola secondo un cliché classico e i giocatori che rispondono conseguentemente. Tutto ciò dà vita a una dinamica tipica di una vera squadra di calcio. E’ questo ritorno alla normalità che mi ha fatto capire quanto questa bella esperienza sia stata utile per aiutare i protagonisti ad affrontare il proprio disagio”.
  
Scopo del film, frutto di 170 ore di girato, tre telecamere e un montaggio definito dal regista De Biasi ‘certosino’, è quello di far conoscere al pubblico questa realtà e sensibilizzare l’opinione pubblica per poter dare continuità al progetto. Un’esperienza che avrà il suo seguito con il Mondiale che nel 2018 sarà disputato in Italia, per poi riproporsi nel 2020 in Perù e nel 2022 in Qatar.
 
Lunedì 20 febbraio sarà la volta del debutto nazionale in 45 sale cinematografiche. Per consultare il press book clicca qui

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali11 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi