Connect with us

Pubblicato

il

Gambe e scarpetteSono già trascorsi nove anni. L’assemblea del 19 giugno 2008 (il presidente era Mario Macalli) cassava la serie C e ne cambiava il nome in Lega Pro.

Via la C1 e la C2, quest’ultima un fondamentale cuscinetto tra calcio professionistico e calcio dilettantistico (due mondi regolati da norme completamente diverse). Al loro posto la Prima e Seconda Divisione. 

Avrebbe dovuto essere un “cambiamento epocale”, contrassegnato dalla nascita di una categoria organizzata “sul modello delle leghe inglesi” anche nel nome (League One e League Two).

Nove anni dopo si cambia di nuovo. Come ha spiegato il presidente in carica nel 2017, Gabriele Gravina, si torna alla vecchia Serie C. Stavolta, però, in Divisione Unica e senza alcun diaframma con la D. 

Nel frattempo, nessuna delle criticità di allora ha trovato soluzione. Le società iscritte, pur calate da 90 a 60, versano per la maggioranza in difficoltà economiche croniche. Le crisi e i fallimenti si sprecano. La classifica dei gironi è variamente affidata alle decisioni della Giustizia sportiva. Le graduatorie, in certi momenti del campionato, sono solo un’opinione. Gli impianti continuano a essere fatiscenti. I divieti di trasferta si sprecano. Si continua con i ripescaggi a go-go.

Il modello inglese, in sostanza, non è partito. Ticketing? Marketing? Sponsor? Solo parole vuote. Sarebbe occorsa la lungimiranza di tagliare drasticamente il format, limitandolo a un numero tale (40?) da consentire i severi controlli che stanno alla base di un esito finale conforme a criteri di lealtà sportiva: verifica dei bilanci, idoneità degli impianti, rispetto scrupoloso delle regole, equa distribuzione delle risorse, sussidiarietà e quant’altro.

I club avrebbero dovuto diventare il collante sociale del territorio, per accaparrarsi pubblico e risorse. Esattamente quanto è stato fatto, da e per tempo, in Inghilterra. In Italia invece gli anni volano via veloci, le occasioni non vengono colte, i treni sono lasciati passare e non succede mai nulla di nulla. 

Così, dopo un decennio, eccoci qua a ripartire dalla problematica Serie C del 2008. Tempus inesorabile fugit.

Sergio Mutolo –  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni13 ore fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato2 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali4 settimane fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film