Connect with us

Pubblicato

il

Pallone-ufficiale-Lega-PRODistratti dai playoff allargati, una sorta di mini-campionato in appendice alla stagione regolare che riesce a tenere lontani i cattivi pensieri, i tifosi della terza serie nazionale sono meno preparati del solito alla mattanza estiva che li attende.

Eppure il 30 giugno, data di scadenza per depositare la domanda di iscrizione al campionato 2017-18, è molto più a ridosso di quanto si creda.

Una data capestro che da lustri coincide con l’inizio del doloroso bagno di sangue che porterà a drammatiche cancellazioni. A seguire partiranno i provvidenziali ripescaggi a go-go, organizzati per garantire il mantenimento di un organico a 60 non più sostenibile né difendibile a questi livelli.

Con regolarità svizzera degna di ben altri obiettivi, il 30 giugno segna drammaticamente il presente e compromette il futuro di una Serie C che non ce la fa davvero più a stare a galla appesantita da un format così strabordante.

Il tam tam inizia a diffondersi. Ogni giorno cresce il numero dei club segnalati a rischio di scomparsa, cui si affianca quello di altrettante società pronte a sfruttare i guai degli altri per entrare (o rientrare) a far parte dell’anello più debole del calcio professionistico italiano.

La lotteria, dunque, sta per cominciare. Anzi, è già cominciata. Alcuni adempimenti dovrebbero essere stati già completati il 23 e il 31 maggio a norma del Sistema delle Licenze Nazionali approvato dalla Figc per i campionati professionistici 2017-18 (leggi QUI).

Il premio finale, però, non è affatto appetibile. Si tratta invece di un ulteriore passo nel buio, verso il baratro che i milioni di tifosi appassionati di una categoria storica (voluta da Artemio Franchi) certamente non si meritano.

Sergio Mutolo –  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi