Connect with us

Pubblicato

il

Gambe in azzurroCalciopress ha confrontato le presenze registrate nella prima semifinale dei playoff di Lega Pro che si è giocata al Franchi di Firenze con quelle dei tre turni precedenti (“Playoff di Lega Pro, la prima semifinale un flop?“).

Lo stadio era praticamente deserto. Le due tifoserie sono state disperse in settori seminascosti dell’impianto. I 1.643 sostenitori gialloblù confinati nel periferico “formaggino” e i circa 500 “ramarri” sistemati in uno spicchio adiacente la tribuna centrale.

A prescindere dalla mediocre partecipazione di pubblico in termini strettamente numerici, legata forse alla scelta della data coincidente con un giorno infrasettimanale lavorativo, l’esito è stato uno spettacolo kafkiano. Sia vissuto dal vivo che nelle immagini tv trasmesse in diretta da Rai Sport.

Vedremo cosa accadrà stasera in occasione di Alessandria-Reggiana e poi nella finale, che si giocherà sabato sera nello stesso stadio – ad appena tre giorni di distanza dalla seconda semifinale – tra due squadre fisicamente provatissime.

Meglio sarebbe stato disputare le ultime due gare prima della finale su un campo neutro, se questa era la volontà, però di dimensioni compatibili con il pubblico che la Lega Pro è in grado di mettere insieme in un giorno feriale. Oppure scegliere un giorno festivo o pre-festivo, se proprio si voleva che lo stadio fosse il Franchi.

Non sembra propriamente questo il modo di attrarre tifosi in terza serie nazionale, soprattutto in concomitanza con eventi storici per la vita di un club quali la semifinale che può significare l’accesso alla B.

Quando si fanno queste scelte si dovrebbe partire dal presupposto che la quasi totalità dei club di terza serie sono espressione delle città e dei tifosi del contesto territoriale, vale a dire società di stampo prettamente provinciale.

A chi dovrebbe essere demandato in Lega Pro, sia in questa che in altre circostanze (vedi catastrofici passaggi di proprietà o improvvisi abbandoni del patron di turno), tutelare gli specifici interessi delle città e dei tifosi ? Questa è la domanda.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi