Connect with us

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale NazionaleSulla Prima Divisione Unica di Lega Pro, la prossima Serie C secondo gli intenti del presidente Gravina, incombe la data di scadenza per l’iscrizione al campionato 2017-18. Molti nodi stanno per venire al pettine (“Lega Pro 2017-18, iscrizioni il solito rebus?).

Le società aventi  diritto che non avranno depositato la domanda entro il 30 giugno, saranno infatti escluse in modo automatico (QUI la lista dei 59 club ammissibili e QUI la suddivisione per regioni).

Quante non avranno rispettato le infinite scadenze perentorie previste per il rilascio della Licenza Nazionale, la più importante delle quali è fissata per il 26 giugno (QUI),  potranno integrare le carenze secondo la trita cronologia prevista dai ricorsi. Partiranno comunque  con punti di penalizzazione che incideranno sulla regolarità del campionato.

I giochi saranno definitivamente chiusi quando il Consiglio federale presieduto da Tavecchio ufficializzerà il format? Probabilmente no. Per arrivare comunque a 60 iscritti le bocciature annunciate daranno il via all’abnorme procedura dei ripescaggi, che andranno avanti tra ricorsi e controricorsi chissà fino a quando.

Il torneo di terza divisione nazionale conferma i suoi connotati di precarietà, come accade ormai da un numero incalcolabile di anni. Niente di meno utile per tracciare la strada di riforme ormai ineludibili per il disastrato sistema calcio italiano.

Per proiettarsi in un futuro compatibile e sostenibile, sarebbe vitale che il campionato di terza serie nazionale assumesse profili di stabilità fin dalle procedure di iscrizione, come avviene nel resto d’Europa.

Al via, dopo un iter ben più snello di quello applicato da lustri per tenere in piedi la baracca,  dovrebbero esserci solo società con profili economici in grado di reggere il duro impatto con un calcio di tipo professionistico.

Se ciò non accadesse saremo costretti a parlare, come avviene ormai da troppi anni, di mancata applicazione delle severissime regole scritte. Per rinascere occorre solo una quantità industriale di rigore. Più fatti e meno parole. O no?

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 giorno fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali1 giorno fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi