Connect with us

Pubblicato

il

Pallone Ufficiale NazionaleSulla Prima Divisione Unica di Lega Pro, la prossima Serie C secondo gli intenti del presidente Gravina, incombe la data di scadenza per l’iscrizione al campionato 2017-18. Molti nodi stanno per venire al pettine (“Lega Pro 2017-18, iscrizioni il solito rebus?).

Le società aventi  diritto che non avranno depositato la domanda entro il 30 giugno, saranno infatti escluse in modo automatico (QUI la lista dei 59 club ammissibili e QUI la suddivisione per regioni).

Quante non avranno rispettato le infinite scadenze perentorie previste per il rilascio della Licenza Nazionale, la più importante delle quali è fissata per il 26 giugno (QUI),  potranno integrare le carenze secondo la trita cronologia prevista dai ricorsi. Partiranno comunque  con punti di penalizzazione che incideranno sulla regolarità del campionato.

I giochi saranno definitivamente chiusi quando il Consiglio federale presieduto da Tavecchio ufficializzerà il format? Probabilmente no. Per arrivare comunque a 60 iscritti le bocciature annunciate daranno il via all’abnorme procedura dei ripescaggi, che andranno avanti tra ricorsi e controricorsi chissà fino a quando.

Il torneo di terza divisione nazionale conferma i suoi connotati di precarietà, come accade ormai da un numero incalcolabile di anni. Niente di meno utile per tracciare la strada di riforme ormai ineludibili per il disastrato sistema calcio italiano.

Per proiettarsi in un futuro compatibile e sostenibile, sarebbe vitale che il campionato di terza serie nazionale assumesse profili di stabilità fin dalle procedure di iscrizione, come avviene nel resto d’Europa.

Al via, dopo un iter ben più snello di quello applicato da lustri per tenere in piedi la baracca,  dovrebbero esserci solo società con profili economici in grado di reggere il duro impatto con un calcio di tipo professionistico.

Se ciò non accadesse saremo costretti a parlare, come avviene ormai da troppi anni, di mancata applicazione delle severissime regole scritte. Per rinascere occorre solo una quantità industriale di rigore. Più fatti e meno parole. O no?

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali1 mese fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi