Connect with us

Pubblicato

il

Niente è riuscito a scuotere le nostre pigre e assuefatte coscienze. La Serie C si è arrotolata su se stessa da tanto di quel tempo, che è diventato quasi impossibile tirarla fuori dal maledetto imbroglio in cui è stata trasformata.

La terza serie nazionale ha preso una china che finirà per precipitarla dentro un baratro. A nulla sono valsi i moniti, ossessivamente reiterati dai pochi addetti ai lavori che ci credono ancora e liquidati ogni volta come sinistri profeti di sventura. Chi siede nelle stanze dei bottoni ha preferito fare come le tre scimmiette. Io non vedo, io non parlo, io non sento. E avanti così, come se nulla fosse, salvo qualche banale e scontata presa d’atto. Soluzioni radicali uguali a zero.

I media, distratti dagli squallidi gossip che li hanno distolti dalle questioni di fondo, non dedicano spazio a una categoria sempre più misconosciuta come la serie C. I tifosi hanno scelto la via del disincanto e della diserzione, svuotando (irreversibilmente?) gli stadi, con l’eccezione di alcuni picchi che non fanno testo in proiezione futura. Domina l’indifferenza, il peggiore di tutti i mali come scriveva Antonio Gramsci.

In questo deserto sarà quasi impossibile trovare soluzioni compatibili e condivise. Non si intravede, nemmeno in lontananza, un cavaliere bianco capace di rimettere tutti in riga e di assumersi la responsabilità di decisioni tanto dure quanto imprescindibili. Così non è e così non sarà. Se pure ce ne fosse uno, i fautori dello status quo sono pronti ad alzare sbarramenti insormontabili per tenerlo a ragionevole distanza.

Intanto la C naviga a vista. Non ha più orizzonti verso i quali veleggiare. Va avanti per forza d’inerzia, come una barca trascinata alla deriva dalla corrente. Agli stanchi nocchieri sembra interessare solo che nulla si fermi, costi quel che costi. Come diceva Giorgio Gaber, l’importante è far finta di essere sani.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi